/ Attualità

Notizie di sport

Attualità | 10 agosto 2020, 07:21

Taggia: è nelle librerie Princirunner, una storia di corsa e tenacia. Fagioli "Essere d'ispirazione è un traguardo raggiunto"

"Dopo averlo letto ho messo le scarpe, sono uscito di casa e ho iniziato a correre".

"Dopo averlo letto ho messo le scarpe, sono uscito di casa e ho iniziato a correre". E' questo uno dei primi traguardi raggiunti da Andrea Fagioli con 'PrinciRunner', dipendente del comune di Taggia per la prima volta prestato al mondo della letteratura. È una frase che lo scrittore tabiese ha sentito spesso da quando a fine maggio ha pubblicato la sua opera con la casa editrice Kimerik di Messina. 

"Possiamo dire che un traguardo l'ho raggiunto quando mi sono ritrovato tra le mani la prima copia fisica di questo libro  - racconta Fagioli - E' vero, è una emozione e una soddisfazione aver ricevuto tante lettere e messaggi di amici e in generale lettori che mi hanno raccontato di aver trovato ispirazione nelle pagine del mio libro e di aver iniziato a correre. E' un importante traguardo". 

Un libro suddiviso in 42,195 capitoli o chilometri. "Si tratta di una distanza che per me ha un importante significato. Sono i 42,195 chilometri di una maratona ma anche i capitoli di questo libro. In queste pagine racconto la mia storia. C'è un episodio intorno a cui ruota tutto: a quarant'anni, un dottore, un rinomato specialista, mi disse che non avrei più potuto correre. Ecco, quell'incontro mi è tornato in mente diverso tempo dopo proprio quando ho iniziato a vedere il traguardo della maratona di Sanremo del 2018. - racconta l'autore di Princirunner - Dopo quel giorno, ho voluto scrivere al dottore che mi aveva visitato raccontandogli cosa era cambiato, appunto l'ultimo capitolo, gli ultimi 195 metri prima dell'arrivo. Da quel giorno sul tracciato sanremese ho capito che quello che era stato un diario dove raccoglievo pensieri poteva diventare qualcosa di più".

Così è nato Princirunner, il libro che come si intuisce fonde il termine principiante con runner. "E' un racconto intimo e autobiografico dove ho cercato di trasmettere l'esperienza e le emozioni, quindi cosa ho provato e molti episodi della mia vita lungo questo percorso. Cerco anche di dare dei consigli, perchè una delle difficoltà che tutti hanno quando ci si avvicina al mondo della corsa è che non sai concretamente cosa fare. Così ti barcameni tra internet e consigli di amici o conoscenti. Ho cercare di dare un po' di consigli utili, per aiutare chi vuole iniziare a correre ma non ha alcun tipo di esperienza" - aggiunge Fagioli. 

Qual è il messaggio che ha voluto trasmettere con questa storia? "Princirunner è un libro sulla tenacia e sulla forza di volontà. I dottori bisogna ascoltarli ma certe volte bisogna anche credere in sé stessi e avere il coraggio di andare oltre. Esattamente come avviene nella corsa, la testa gioca un ruolo fondamentale. Questa è stata la mia esperienza e se qualcuno troverà ispirazione da questa storia sarò felicissimo" - analizza lo scrittore. 

Considerando l'esperienza positiva di questo libro, ha pensato di proseguire con la scrittura? "Princirunner non l'ho fatto per scopo di lucro però mi è piaciuto tantissimo poter raccontare questa storia e un grazie lo voglio dire alla mia famiglia, a mia moglie e ai miei figli che mi hanno supportato totalmente. Quindi, sì ho già alcune idee in mente che mi piacerebbe sviluppare. - conclude Andrea Fagioli - In un certo senso l'argomento del prossimo libro lo si potrebbe intuire tra le righe di Princirunner". 

Nei giorni scorsi il libro di Andrea Fagioli era presente anche ad Imperia per la Fiera del Libro, all'interno dello stand della casa editrice Kimerik. Princirunner si può acquistare fisicamente nelle librerie di tutta Italia, oppure nei migliori store online in formato cartaceo e in formato ebook.

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium