/ Al Direttore

Notizie di sport

Al Direttore | 06 agosto 2020, 17:31

Sanremo: in camera mortuaria al 'Borea' una persona alla volta, una nostra lettrice "Perchè non due?"

Sanremo: in camera mortuaria al 'Borea' una persona alla volta, una nostra lettrice "Perchè non due?"

Una nostra lettrice, Luisa Franza, ci ha scritto per descrivere quanto da lei vissuto in questi giorni:

“E’ stata una dolorosa esperienza per un grave lutto in famiglia avvenuto presso la nostra struttura ospedaliera. Mi sono recata all’obitorio dove ho trovato un avviso in cui si diceva che a causa della grave situazione sanitaria dovuta al Covid-19, era permesso l’ingresso alla camera ardente a due persone alla volta. La parola ‘due’ era però cancellata con un tratto di pennarello e sostituita da ‘una’. So perfettamente che dobbiamo evitare ogni occasione di contagio e quindi gli assembramenti, ma quando si è colpiti da un lutto è difficile superare il momento e ancora di più se si è anziani e si deve aprire da soli quella porta in cui troveremo il nostro caro. Altrettanto difficile sarà aprire quella porta se si è giovani ed è la prima volta che la morte ci tocca da vicino. So che sarà comunque difficile e ricorderò sempre la sensazione di gelo che mi ha dato quella maniglia quando l’ho stretta sapendo che di là avrei trovato mia madre. L’abbraccio e il sostegno di un congiunto sarebbero  stati di conforto, perché negarlo? Chiedo quindi alla Dirigenza del nostro Ospedale di ripensare a quel tratto di pennarello che cancella non solo un numero ma la compassione e il sostegno di cui tutti noi abbiamo bisogno in questi tristissimi momenti”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium