/ Politica

Politica | 03 agosto 2020, 18:30

Inaugurazione ponte San Giorgio, gli assessori regionali: "Progetto importante che riunirà Genova e la Liguria" (Video)

"Importante": è questo l'aggettivo con il quale gli esponenti della giunta regionale ligure hanno definito questo giorno in cui Genova, e la regione intera, torneranno ad essere simbolicamente unite dal nuovo 'Ponte San Giorgio'

"Importante". E' questo l'aggettivo con il quale gli esponenti della giunta regionale ligure hanno definito questo giorno in cui Genova, e la regione intera, torneranno ad essere simbolicamente unite dal nuovo 'Ponte San Giorgio'.

L'emozione della grande opera realizzata in tempi record per la consuetudine italiana, il ricordo delle vittime del tragico crollo del 14 agosto 2018, la speranza di una pronta ripartenza per tutta la regione. "Un legame col passato che non si può dimenticare perchè non lo vogliamo, però è un ponte verso il futuro - afferma l'assessore a sport, scuola e cultura Ilaria Cavo -. E' questo il senso di questa giornata all'insegna della sobrietà, del ricordo ma anche dell'orgoglio e del ringraziamento di coloro che hanno lavorato a questo progetto".

Un progetto importante per tutto il territorio ligure, non solo per Genova e il suo porto. Lo ricorda l'assessore all'urbanistica e all'edilizia Marco Scajola, sottolineando come a questa opera ne vadano collegate altre: "Questo ponte non può risolvere tutti i problemi del traffico genovese e di quello proveniente da tutto il nord Italia. Servono anche altri interventi, anche se purtroppo il governo non dà segnali molto positivi sulla gronda e altre opere pubbliche, ma soprattutto serve finiscano questi interminabili cantieri. Ci dev'essere sicurezza, lo diciamo da tempo, ma allo stesso tempo ci dev'essere attenzione e cura alle esigenze del territorio: sappiamo bene a ponente quant'è importante arrivino le automobili e non solo" ha concluso Scajola.


Presente all'inaugurazione anche l'assessore alla sanità Sonia Viale. Il ponte potrà essere, e sarà un importante collegamento anche dal punto di vista sanitario. “Si riparte da qua, - ha detto - il pensiero è forte, il silenzio è qualcosa che accompagnerà l'inizio della cerimonia, sarà un silenzo molto partecipatoe commovente. Io ero qua come assessore alla sanità subito dopo il fatto e i nostri opertori sanitari, i soccorsi, il sistema sanitario della nostra regione, in quel momento c'era e si è attrezzato per dare il massmo in un momento drammatico. Il resto è storia di chi ha avuto il ruolo e il compito di realizzare il nuovo ponte che e veramente un'opera importante. Sarà un segnale di ripartenza per il paese sperando che le norme che sono servite per fare questo ponte possano essere utilizzate per altre nuove opere importanti come il nostro ospedale. Non sarà solo questo ponte a risolvere il problema,saranno le gallerie fino a quando non verrannno organizzati e coordinati i lavori per la messa in sicurezza il problema rimane. Siamo molto preoccupati per il sistema sanitario, per la viabilità e i trasporti sanitari perche il problemi sono quotidiani”.

Per l'assessore alla protezione civile Giacomo Raul Giampedrone, c'è 'un filo di continuità, vista l'allerta odierna e il maltempo che accompagnò quel terribile 14 agosto.  “Direi che c'è un filo di continuità con quanto accaduto il giorno del crollo, - ha detto - era un giorno di allerta come oggi. Il ricordo va ovviamente prima alle 43 vittime e a tutti i loro familiari, dopodichè c'è grande orgoglio per aver ricollegato Genova, la Liguria, con uno sforzo fondamentale di tanti che vanno ringraziati, con un sistema di protezione civile della Liguria che ci inorgoglisce ancora di più e che tutti ormai ci riconoscono”.


Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium