/ Attualità

Attualità | 03 agosto 2020, 17:06

Mobilitazione per Chico Forti alla Milano-Sanremo e a Ferragosto (Foto)

“Ad oggi è forte la mobilitazione sia popolare sia politica a favore di Chico e con questo piccolo contributo e con la collaborazione di tutti, speriamo di riportarlo al più presto a casa”

Mobilitazione per Chico Forti alla Milano-Sanremo e a Ferragosto (Foto)

A Sanremo non si ferma la mobilitazione per Chico Forti, condannato e incarcerato negli Stati Uniti dal 2000 e sempre dichiaratosi innocente. Diverse le iniziative portate avanti a Sanremo da 'L'Onda di Chico'.

Scrivono gli organizzatori delle iniziative: “L'Onda di Chico, a favore della liberazione di Chico Forti (il nostro connazionale, ingiustamente all'ergastolo negli Stati Uniti), non si ferma nemmeno a Sanremo: da oggi, fino al 16 agosto, in attesa della Milano-Sanremo e per il week end di ferragosto, durante questo periodo estivo in cui la nostra città ospita tanti turisti, siamo presenti nelle zone principali di Sanremo, con due poster 6×3 (uno in piazza Eroi Sanremesi e l'altro presso la rotonda di Valle Armea), sessanta cartelloni 1×70, dislocati ovunque, anche in noti locali commerciali della movida sanremese e due striscioni, uno a San Martino, vicino a Villa Nobel e uno in via Roma, a pochi metri dall'arrivo della Milano-Sanremo. Per chi non conoscesse la storia, Chico Forti, velista e produttore televisivo italiano che negli anni ’90 ha fatto fortuna negli Stati Uniti, il 15 febbraio del 1998 venne arrestato per l’omicidio di Dale Pike, figlio di Anthony Pike, dal quale Forti stava acquistando il Pikes Hotel, struttura che negli anni ’80 era al centro della movida dell’isola spagnola. Chico Forti, dal 2000, anno in cui una giuria lo ha ritenuto colpevole “oltre ogni ragionevole dubbio”, si è sempre dichiarato innocente e sono tanti gli errori giudiziari emersi in questi vent’anni, che portano ad una sua evidente estraneità ai fatti. Ad oggi è forte la mobilitazione sia popolare sia politica a favore di Chico e con questo piccolo contributo e con la collaborazione di tutti, speriamo di riportarlo al più presto a casa”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium