/ Attualità

Attualità | 29 giugno 2020, 16:08

Ventimiglia: approvati dalla Giunta gli studi di fattibilità per i tre parcheggi che insisteranno sulle aree ferroviarie

I parcheggi, una volta espletati completamente gli iter burocratici dovrebbero sorgere nell’area a Nord della linea, vicino a via San Secondo e vicino a corso Genova.

Ventimiglia: approvati dalla Giunta gli studi di fattibilità per i tre parcheggi che insisteranno sulle aree ferroviarie

La Giunta comunale di Ventimiglia ha approvato lo studio di fattibilità inerente la realizzazione di tre parcheggi pubblici ‘a raso’ nella zona della linea ferroviaria, attigua alla città di confine.

I parcheggi, una volta espletati completamente gli iter burocratici dovrebbero sorgere nell’area a Nord della linea, vicino a via San Secondo e vicino a corso Genova. Nell’ambito dell’accordo di programma per la riconversione del parco ferroviario del Roya, sottoscritto tra i vari soggetti interessati ed in oggi in vigore è prevista la cessione a favore del Comune di Ventimiglia di diverse aree di proprietà delle Ferrovie dello Stato da destinare a standard urbanistici tra le quali alcune aree poste in prossimità della stazione di Ventimiglia, aree da destinare a servizi ed in particolare a parcheggi pubblici.

L’Amministrazione comunale sta concordando le modalità e la forma realizzare gli standard pubblici previsti dall’accordo di programma, in particolare a parcheggio pubblico. Per l’area ‘Nord’, il parcheggio prevede la realizzazione di 83 posti auto di cui 2 destinati a disabili, una rete di smaltimento acque meteoriche e un impianto di illuminazione, che verrà collegato alla rete di illuminazione pubblica stradale comunale.

Il secondo parcheggio riguarda un’area ferroviaria dismessa, limitrofa a via San Secondo ed all’omonimo sottopasso ferroviario. Si trova a lato dei binari ferroviari ed è comunicante direttamente con la stazione ferroviaria. Attualmente si presenta come un grande piazzale dove è presente un fabbricato, una volta adibito al rimessaggio delle locomotive edificato oltre settanta anni fa, il cui interesse storico, quale testimonianza industriale, dovrà essere valutato da parte della Soprintendenza.

Per il terzo l’intervento è previsto in un’area ferroviaria dismessa, situata a lato dei binari ferroviari e limitrofa a corso Genova, con accesso anche da via Scalo Merci e che attualmente si presenta come un grande piazzale dove sono ancora presenti i binari dismessi, sul quale insistono alcuni manufatti da riqualificare.

Il primo ha un costo preventivato in circa 580mila euro, il secondo di un milione e 800mila euro ed il terzo di 4 milioni e 300mila circa.

 

Carlo Alessi

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium