IL PUNTO DI CLAUDIO PORCHIA - 04 giugno 2020, 12:00

Il turismo a Sanremo cambia direzione e aggiunge (forse) un posto a tavola

Sindoni, Menozzi, Viale, Olmo e Zoccarato danno fuoco alle polveri e Biancheri non riesce a sorridere.

Il turismo a Sanremo cambia direzione e aggiunge (forse) un posto a tavola

Siamo ripartiti: ingorghi in autostrada, code al confine, allerta giallo e sale la temperatura politica

 

La discussione vede impegnati i politici intorno alla definizione dei “tavoli”, non dei ristoranti, ma della concertazione.

Il premier Giuseppe Conte è costretto dal capo dello Stato ad “allungare” il tavolo per discutere di rilancio economico e di riforme a tutte le forze di opposizione mentre Toti “perennemente” in campagna elettorale moltiplica i tavoli  e “infattamente”

 

 

 

Come insegna Cetto La Qualunque un posto a tavola non lo si nega a nessuno, ma "poimente" a Sanremo la discussione prende una piega diversa, (a causa o per merito: questo il dilemma) della proposta di un tavolo comune per rilanciare turismo e attività produttive lanciata dal consigliere Marco Viale….

 

"Senzadubbiamente" la proposta non piace “assolutissimamente” all’assessore al Turismo matuziano

 

 

Il tavolo comune viene “comunquemente” rilanciato dall’assessore alle attività produttive…

 

 

Ma la risposta non si fa “oltremente” attendere ed è “chiarissimamente” chiara

 

Il rilancio della città dovrebbe passare attraverso l’ascolto e decisioni condivise, favorendo il lavoro di rete fra commercianti, associazioni di categoria, realtà produttive del territorio e operatori turistici con gli amministratori, ma ...

l’assessore propone manifestazioni concentrate “soltantomente” nelle ville storiche, location ideali per i nuovi “villeggianti” del post covid-19, ma soprattutto “lontanemente” dal centro e dalle attività commerciali e produttive... 

 

Un fronte sempre più ampio si oppone e propone di rivedere la mobilità che porta in centro, con nuove modalità di sosta a tempo, di ripensare l’arredo urbano, di definire proposte culturali e attività, che coinvolgano "tuttamente"  la città  e rivolte anche alle famiglie.

Se il turismo in città, con molti alberghi ancora chiusi, sarà “soprattuttomente” di seconde case, il futuro del commercio cittadino è “strettamente” connesso al turismo. E così la discussione si infiamma ed interviene Forza italia.

 

il sindaco perde il consueto buon umore

e l'assessore non riesce più a dormire "tranquillamentemente" 

 

fine prima parte........

 

Tiziano Riverso e Claudio Porchia

Ti potrebbero interessare anche:

SU