/ Economia

Economia | 02 giugno 2020, 07:00

Come creare un sito web aziendale?

Creare un sito aziendale completamente da soli è un’impresa difficile, ma non impossibile

Come creare un sito web aziendale?

Se sei un imprenditore o un professionista e non hai ancora un sito web aziendale, sappi che stai sbagliando strategia. Che si tratti di un negozio, di uno studio dentistico o di una ditta di pulizie, ogni attività ha bisogno, oggigiorno, di una “vetrina virtuale”. Non ci credi? E invece è proprio così!

Da dove cominciare per creare un sito web aziendale adatto allo scopo, ovvero trovare nuovi clienti, ma che, al tempo stesso, rispecchi lo spirito della tua attività? È possibile, e soprattutto consigliabile, fare da soli, o conviene rivolgersi ad esperti del settore? Sul nostro territorio esistono decine di web agency con esperienza pluriennale come ad esempio Genesi.it che realizza siti internet dal 1996, che ovviamente sono in grado di portare a termine velocemente il vostro progetto web.

Creare un sito in 3 semplici step

Creare un sito aziendale completamente da soli è un’impresa difficile, ma non impossibile. Certo, sarebbe meglio possedere almeno una minima familiarità con il web, ma anche un “principiante” può riuscire, con un po’ di studio e tanto tempo libero, a realizzare un sito “entry-level”.

Difatti, per creare un “sito-vetrina” per un’azienda, bastano i seguenti tre passaggi:

1. Acquistare uno spazio web e un dominio (ad esempio, www.ferramentaderossi.it) che riprenda il nome della tua attività o che riporti delle keywords mirate (ad esempio, www.idraulicobari.it).

2. Installare WordPress, una piattaforma gratuita che ti permette di personalizzare i contenuti e il layout del tuo sito. Potrai, infatti, utilizzare un tema standard (e ce ne sono tantissimi, sia generici che pensati per particolari attività o settori: dagli studi medici alle pizzerie) e trasformarlo con le tue immagini, con il logo aziendale, con testi su misura per le varie pagine, con i tuoi recapiti, ecc..

3. Inserire contenuti mirati: il passaggio, forse, più difficile, specialmente per chi possiede solo una conoscenza “base” dei principi del web marketing o ha poco tempo da dedicare alla scrittura. In questi casi, dunque, sarebbe meglio coinvolgere un professionista o rivolgersi ad un’agenzia.

Commissionare un sito: 3 consigli

Se hai già tentato, con scarsi risultati, la via del “fai-da-te” e sei giunto alla conclusione che sì, è il caso di contattare una web agency, arriva un altro scoglio difficile: far capire al tuo interlocutore, generalmente colui che ricopre il ruolo di “digital project manager”, quali sono le tue esigenze.

Vuoi un sito fresco e giovanile, che comunichi tutta la grinta e il dinamismo della tua start-up, o un sito dallo stile classico e raffinato, che dia risalto alla lunga tradizione che c’è dietro l’azienda?

Ecco, dunque, tre consigli da seguire quando si commissiona un nuovo sito web aziendale:

1. Essere quanto più chiari ed esaustivi con la persona che si occuperà del progetto e che andrà a definire i vari step della lavorazione. Hai delle tempistiche precise (ad es. promozioni che scadono a breve)? Vorresti pubblicizzare un nuovo prodotto? Illustra attentamente tutti questi dettagli e, soprattutto, spiega con esattezza ciò che ti serve e quali risultati ti aspetti dal nuovo sito.

2. Comunicare, oltre alle principali informazioni relative alla tua attività (indirizzo, prodotti e servizi, recapiti, ecc.), anche altri aspetti altrettanto importanti, come lo “spirito” che si cela dietro il tuo operato, la tua “mission”, l’immagine con cui intendi presentarti al mondo e ai tuoi clienti. In tal modo, faciliterai sia il project manager, sia chi si occuperà dei testi e del design del tuo sito.

3. Puntare dritti al proprio target, senza cercare di piacere a tutti. Se conosci già il “cliente tipo” che generalmente ricerca un’attività come la tua, prediligi una comunicazione – sia testuale che visiva – che possa risultare accattivante. Tuttavia, ciò non vuol dire raccontare bugie – che, si sa, hanno spesso le gambe corte! – quanto valorizzare i punti di forza e minimizzare i piccoli svantaggi.

Concludendo…

In conclusione, come abbiamo visto, creare un sito aziendale non è poi così difficile né costoso, ma se si vuole fare in fretta e, al tempo stesso, ottenere sin da subito i risultati desiderati, occorre il supporto di una web agency e delle figure professionali che, in genere, fanno parte dello staff.

Per realizzare un buon sito, che non si limiti a fornire informazioni di base (come indirizzo e numero di telefono), ma che dia lustro e visibilità ad un’azienda, è necessaria la collaborazione di vari professionisti: sviluppatori, web designer, copywriter, specialisti SEO, consulenti marketing, ecc..

Insomma, una sinergia tra più competenze che, difficilmente, puoi ritrovare in un’unica persona o provare a sostituire con qualche ora di studio. E che, inevitabilmente, richiede anche un costo o, per meglio dire, un adeguato investimento, che a tempo debito – ne siamo certi – darà i suoi frutti!

Richy Garino

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium