/ Politica

Politica | 31 maggio 2020, 20:32

Coronavirus, Toti: "Restiamo prudenti. Anche dopo il 3 giugno manterremo le terapie intensive e i letti di media intensità. Dobbiamo essere pronti ad ogni evenienza"

Durante la diretta facebook serale il governatore comunica in vista della "riapertura" delle regioni che il sistema sanitario ligure continuerà con questo assetto per scongiurare criticità. A metà giugno poi, i Cup verranno riattivati per prenotare le visite

Coronavirus, Toti: "Restiamo prudenti. Anche dopo il 3 giugno manterremo le terapie intensive e i letti di media intensità. Dobbiamo essere pronti ad ogni evenienza"

“È l’ultimo weekend che passeremo senza i turisti. Spostarsi nel mondo è ancora difficile quindi speriamo che in tanti possano scegliere la Liguria, e le sue spiagge, per le loro vacanze”. Il governatore Giovanni Toti attende fiducioso il 3 giugno, data in cui sarà possibile per i cittadini spostarsi sui vari territori regionali considerato il trend in discesa dell’epidemia da coronavirus. “Oggi abbiamo solo otto persone in terapia intensiva- ha detto Toti durante la diretta serale sulla sua pagina facebook- e questo è un dato che mi conforta e mi fa ben sperare. Visto i dati in discesa abbiamo dato l’ok per recuperare i tre mesi di visite ambulatoriali che, a causa del virus, non abbiamo potuto far svolgere per garantire la sicurezza di tutti, cittadini ed operatori sanitari”.

E proprio in vista della “riapertura” delle regioni il presidente della giunta regionale ligure ha comunicato che, sul fronte sanitario “non smobiliteremo niente, terremo ancora più di 200 terapie intensive, terremo tutti i letti covid, tutti i reparti, i triage degli ospedali, pronti per qualsiasi cosa, per qualsiasi evenienza potranno quindi intervenire perché vogliamo essere immediatamente operativi così come le Asl sono concentrate a potenziare gli uffici di prevenzione. Ossia, spiega il governatore, coloro che tracciano i contatti non appena vengono segnalati in modo che non ce ne sfugga neanche uno così ognuno che è andato in contatto con una persona positiva, possa andare in quarantena al domicilio”.

Sempre in tema di sanità Toti ha annunciato che tra il 15 e il 20 giugno apriranno anche i Cup per prenotare le visite ambulatoriali non urgenti. Servizio sospeso  a causa dell’epidemia. Secondo quanto affermato dal governatore la scelta di “attendere” questa data, ossia la metà di giugno, è dovuta sempre al monitoraggio della fase relativa alla “riapertura” dei transiti tra i vari territori regionali. Noi non molleremo fino a quando non ci sarà un vaccino, ha chiosato il presidente della Regione. Restiamo prudenti. Quando sarà possibile sperimenteremo, ha aggiunto, anche in Liguria l’app 'Immuni', ma il governo deve ancora fornire chiarimenti”.

In definitiva Toti resta fiducioso: “il trend dei contagi è in discesa e siamo certi che continuerà cosi. Dopo la crisi sanitaria c’ è da salvare l’economia del Paese e quindi continueremo a lavorare”. Da domani, poi, arriva anche un’altra novità per i liguri. Sarà infatti, possibile affittare una camera a due persone che non siano conviventi e si potrà anche andare in due in auto, e in moto, sempre senza essere conviventi, ma occorre indossare la mascherina.

La diretta del presidente Giovanni Toti:

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

domenica 05 luglio
sabato 04 luglio
venerdì 03 luglio
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium