/ Attualità

Attualità | 22 maggio 2020, 16:04

Coronavirus, primo weekend di movida, ecco le regole per aperitivi e cene, Calvi: "Fondamentale distanza di un metro" (Video)

Si torna nei locali, nei bar a fare aperitivo, nei ristoranti, ma le regole sono stringenti. Bisogna indossare la mascherina, si devono mantenere le distanze. A vigilare saranno i gestori, ma anche le forze dell'ordine

Coronavirus, primo weekend di movida, ecco le regole per aperitivi e cene, Calvi: "Fondamentale distanza di un metro" (Video)

Bisogna che la norma sia chiara e rispettata da tutti: un metro di distanza”. Lo ripete Enrico Calvi, presidente provinciale Fipe Confcommercio alla vigilia del primo week end di movida da fine lockdown. Si torna nei locali, nei bar a fare aperitivo, nei ristoranti, ma le regole sono stringenti. Bisogna indossare la mascherina, si devono mantenere le distanze. A vigilare saranno i gestori, ma anche le forze dell'ordine.

Stiamo pian piano tornando a una pseudo normalità, - spiega Calvi a Imperia News - perché la vera normalità si avrà quando i dati ci diranno che è zero il contagio, zero il numero dei malati, e soprattutto zero le vittime. Per adesso c'è un ritorno alla vita che sta dando i primi risultati in attesa di quella che sarà la riapertura delle regioni il 3 giugno. Questo è il primo week end, delicato perché le persone hanno voglia di tornare alla quotidianità, alla vita, a fare l'aperitivo, ma devono anche rispettare le regole che a questo punto sono chiare, anche se sono arrivate fuori tempo massimo, e quindi abbiamo avuto poco tempo per approfondire e spiegarle bene a tutti. In ogni caso sono regole piuttosto semplici”.

LE REGOLE: La distanza sociale direi che è la regola fondamentale che tutti dobbiamo rispettare, oltre ovviamente all'uso della mascherina, ma questo suppongo che sia entrato nell'abitudine di questi tempi. La mascherina può essere tolta quando il cliente è seduto al tavolo. La distanza sociale di un metro può essere derogata solo in caso di persone abitanti sotto lo stesso tetto, oppure nel caso in cui la distanza di un metro sia interrotta da strutture parafiato, i classici pexiglass. Queste sono le due situazioni che possono permettere di stare più vicini del metro, sennò buona regola è entrare nei locali con la mascherina, seguire le indicazioni dei gestori dei locali. Anche fare l'aperitivo a distanza in piedi rimane comunque un bel ritorno alla vita, quindi si può affrontare questa situazione con serenità”.

Sulle polemiche relative all'eccessiva calca all'ora dell'aperitivo, Calvi non nega il problema: Indubbiamente quello che stiamo richiedendo come Fipe, dopo i tanti risultati che abbiamo ottenuto, è cercare di sensibilizzare tutti i nostri clienti e i nostri associati a non buttare via tanta fatica di settanta giorni di chiusura, e soprattutto tanta fatica nel far sì che le norme fossero meno rigide di quello che sembravano all'inizio. È importante essere chiari e avere l'aiuto anche dei comuni, della forza pubblica che deve darci una mano a far passare il messaggio, non in maniera oppressiva, ma anche con la presenza, far capire che la distanza sociale deve essere un metro. C'è stato qualche episodio di eccessiva calca, c'è stato anche qualche episodio di grande responsabilità di gestori di locali che hanno deciso di non portare ancora avanti l'aperitivo perché vedevano che era ingestibile la situazione. Bisogna che la norma sia chiara e rispettata da tutti: il metro di distanza”.

Francesco Li Noce

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium