Elezioni comune di Diano Marina

 / Attualità

Attualità | 21 aprile 2020, 16:39

I Carabinieri al servizio del cittadino: diversi i casi in cui la 'Benemerita' va in aiuto di chi ha bisogno

Tra questi i più importanti a Bussana di Sanremo e Ventimiglia

I Carabinieri al servizio del cittadino: diversi i casi in cui la 'Benemerita' va in aiuto di chi ha bisogno

In questi giorni di emergenza sanitaria, la capillarità dell’Arma sta evidenziando la sua prerogativa sociale tanto che la Centrale Operativa della Compagnia di Sanremo è stata contattata da una donna di Bussana, costretta a casa e nell’impossibilità di muoversi, poiché stava terminando alcuni indispensabili farmaci salvavita.

La donna non ha altri, non ha mezzi con cui spostarsi e vive in modo molto riservato. Nel bisogno, ha chiamato proprio i Carabinieri, i quali l’hanno raggiunta a casa, rassicurata, hanno recuperato il contenitore per le medicine, le prescrizioni mediche, sono andati in farmacia e, infine, le hanno portato ciò di cui necessitava. Nel frattempo, per scambiare due parole e condividere qualche momento in compagnia, le hanno confermato che i Carabinieri sono a sua disposizione, in qualsiasi momento, chiamando il numero urbano della caserma o il 112.

Nell’occasione, le hanno suggerito alcuni accorgimenti per evitare di essere truffata: “Ricordi, Signora: se lei chiama i Carabinieri, noi veniamo in uniforme, con la macchina con i lampeggianti e la scritta Carabinieri. Non le chiediamo soldi, né di vedere gioielli”.

I Carabinieri, che la storia ci presenta anche mediante “umorismo di barzellette”, come cantava il compianto Giorgio Faletti nel 1994 a Sanremo, hanno operato anche a Ventimiglia, dove una persona ha contattato la locale Stazione Carabinieri per ritirargli la pensione, non avendo la possibilità di riscuoterla. Il Comandante della Stazione, risolte le necessarie incombenze, l’ha consegnata a domicilio.

Non è un caso eccezionale, ma risponde alle clausole della convenzione sottoscritta da Poste Italiane e dall’Arma dei Carabinieri grazie alla quale tutti i cittadini di età pari o superiore a 75 anni che riscuotono la pensione in contanti presso gli Uffici Postali, possono chiedere di riceverla presso il loro domicilio, delegando al ritiro i Carabinieri. L’accordo prevede che il servizio non potrà essere reso a coloro che:
- abbiano già delegato altri soggetti alla riscossione;
- siano in possesso di un libretto o un conto postale;
- vivano con familiari o comunque questi siano dimoranti nelle vicinanze della loro abitazione.

L’accordo è parte del più ampio sforzo messo in atto dai due partner istituzionali, ciascuno nel proprio ambito di attività, per contrastare la diffusione del Covid-19 e mitigarne gli effetti, anche mediante l’adozione di misure straordinarie volte ad evitare gli spostamenti fisici delle persone, ed in particolare dei soggetti a maggior rischio, in ogni caso garantendo il mantenimento della distanza interpersonale di almeno un metro. L’iniziativa permette anche di tutelare i soggetti beneficiari dall’esposizione al contagio, ovvero dai rischi di essere vittime di reati come truffe, rapine e scippi.

In base alla convenzione, i Carabinieri si recheranno presso gli sportelli degli Uffici Postali per riscuotere le indennità pensionistiche per poi consegnarle al domicilio dei beneficiari che ne abbiano fatto richiesta a Poste Italiane, rilasciando un’apposita delega scritta. I pensionati potranno contattare il numero verde 800 55 66 70 messo a disposizione da Poste o chiamare la più vicina Stazione dei Carabinieri per chiedere maggiori informazioni.

La collaborazione è frutto della consapevolezza di entrambi i sottoscrittori di ricoprire un ruolo strategico a sostegno del Paese e conferma la loro vocazione alla prossimità verso i territori e le categorie più fragili. Il risultato è scaturito dalla capacità dei Carabinieri e degli operatori di Poste Italiane di intercettare i fabbisogni della popolazione e riuscire, grazie alla presenza capillare sia dei Comandi Stazione Carabinieri sia degli Uffici Postali sull’intero territorio nazionale, a fornire un servizio efficace e solidale.

Il servizio di erogazione e consegna al domicilio delle pensioni agli ultra settantacinquenni sarà assicurato per l’intera durata dell’emergenza Covid-19. I servigi dell’Arma, relativi ad attività di assistenza, soccorso e supporto, sono nati nel 1814 e continueranno anche dopo l’emergenza Coronavirus, con equilibrio e responsabilità

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium