/ Attualità

Attualità | 21 aprile 2020, 08:24

Emergenza Covid-19: la Fipe chiede ai sindaci della provincia un ‘Tavolo di lavoro’ ed il 30% di spazio in più nei dehors

La richiesta arriva dal presidente provinciale, Enrico Calvi, per poter usufruire gratuitamente dello spazio in più a titolo gratuito (dove possibile) quando si riaprirà.

Uno scorcio di Calata Cuneo ad Imperia

Uno scorcio di Calata Cuneo ad Imperia

"Il settore dei pubblici esercizi (bar, ristoranti, pizzerie, pasticcerie, stabilimenti balneari) con 30 miliardi di euro di perdite, è in uno stato di crisi profonda con il rischio di veder chiudere definitivamente 50.000 imprese e di perdere 300 mila posti di lavoro. Anche nel nostro territorio molti imprenditori stanno maturando l’idea di non riaprire l’attività perchè non intravedono le condizioni di mercato adeguate”.

Si apre così la nota che oggi Enrico Calvi, presidente provinciale FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi), ha inviato ai sindaci della provincia di Imperia. “I pubblici esercizi – prosegue - cuore pulsante cittadino, luogo di incontro e presidio sociale, stanno cercando di affrontare questa crisi andando in contro alle nuove esigenze dei cittadini, sottoposti a doverose restrizioni, e alcuni hanno risposto alle richieste di consegne a domicilio. Ma a breve le attività potranno nuovamente aprire e occorre farci trovare preparati, per operare in sicurezza e per poter garantire il nostro servizio, in modo che sia economicamente sostenibile rialzare le serrande delle nostre attività".

“A questo proposito riteniamo indispensabile lavorare in stretta sinergia con le vostre istituzioni e ragionare insieme sulle soluzioni da adottare. La categoria FIPE, consapevole che per consentire il rispetto delle misure di sicurezza necessarie dovrà sacrificare numerosi posti a sedere, chiede pertanto un aumento dell'utilizzo a dehor del suolo pubblico del 30%, a titolo gratuito, laddove possibile. Ciò non consentirà di recuperare interamente lo spazio perso, ma ne consentirà un lieve recupero. Per discutere di queste e altre proposte, considerato il nostro comune interesse di riaprire le attività mantenendo attiva l'economia del nostro territorio, chiediamo di stabilire un dialogo aperto e costruttivo, declinato nell'istituzione di un tavolo di lavoro provinciale FIPE per sviluppare in modo organico e armonico le soluzioni da adottare, nel rispetto delle rispettive esigenze e necessità".

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium