/ Sanità

Sanità | 20 aprile 2020, 10:34

Il Consigliere comunale di 'Civicamente Bordighera' Mara Lorenzi: “E’ tempo di liberalizzare l’esercizio fisico all’aperto”

“Sei settimane di lockdown e rallentamento dell’attività fisica, implementati senza recriminazioni per una causa vitale, hanno però fatto perdere proteine preziose ai muscoli, e proteine e minerali alle ossa".

Il Consigliere comunale di 'Civicamente Bordighera' Mara Lorenzi: “E’ tempo di liberalizzare l’esercizio fisico all’aperto”

“Verso la fase 2 di risposta al Covid-19, è tempo che si facciano sentire e ascoltare anche i difensori del ‘benessere metabolico’, la situazione di funzionamento armonioso dei vari sistemi del nostro corpo, che passa attraverso l’esercizio fisico più o meno quotidiano. Se l’economia non può esser fermata impunemente oltre un certo periodo, lo stesso vale per il nostro corpo. Di questo si è parlato finora molto poco, ma non può essere ignorato”.

Interviene in questo modo Mara Lorenzi, consigliere comunale di opposizione di Bordighera, sulla ripresa dell’attività fisica dopo 6 settimane di stop. “Sei settimane di lockdown e rallentamento dell’attività fisica, implementati senza recriminazioni per una causa vitale, hanno però fatto perdere proteine preziose ai muscoli, e proteine e minerali alle ossa; hanno irrigidito le articolazioni, hanno aumentato la resistenza all’insulina, con aumento di glicemia, grassi nel sangue, coagulabilità e infiammazione; hanno diminuito la performance cardiovascolare e le difese immunitarie. Da aggiungere molto probabilmente un aumento di peso, e disagio psicologico se non depressione dovute al confinamento a piccoli spazi e vita sociale ridotta ai minimi termini. Tutto reversibile? Non cosi facilmente, soprattutto per le persone anziane”.

“Come per le attività produttive, anche le attività per il recupero del benessere fisico meritano perciò piccole accelerazioni. Che oggi nel Comprensorio Ventimigliese sarebbero fatte in relativa sicurezza. Questo perchè a Bordighera, Vallecrosia, e Ventimiglia l’assai bassa incidenza di contagi da Covid-19 dice che nella popolazione residente il virus circola poco. E perchè non avremo l’immissione di visitatori in questa zona per ancora un paio di settimane, fino alla conclusione del lockdown nazionale. Data questa congiuntura favorevole, chiediamo alle autorità competenti di liberalizzare la possibilità di camminare e correre nelle nostre cittadine senza il vincolo dei 200 metri dall’abitazione e senza trovare i lungomare sbarrati. Siamo molto incoraggiati dalla consapevolezza espressa ieri dal Presidente Toti di dover ‘consentire a diabetici e cardiopatici di potersi muovere’. Aggiungiamo che hanno bisogno tutti di potersi muovere, con enfasi per i bambini e per le persone anziane che mantengono la loro buona salute fisica e mentale proprio attraverso l’esercizio all’aria aperta”.

“Sarà un’opportunità di prepararci alla fase 2 – termina Mara Lorenzi - cammineremo da soli o con un componente del nucleo familiare, vestiremo la mascherina, ci terremo a 2 metri di distanza da chi incontreremo. L’obiettivo è ora la responsabilizzazione delle persone a praticare il distanziamento sociale, a farlo diventare un’arte. Servono controlli e insegnamenti, non imposizioni e divieti, perchè si crei la consapevolezza che il distanziamento sociale – fino all’arrivo di un vaccino - è lo strumento che protegge la salute e le libertà individuali che salvaguardano la salute”. 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium