/ Economia

Economia | 20 aprile 2020, 15:30

Emergenza Coronavirus e morosità incolpevole, Fabiano (Ciset Imperia-Savona) "Nel Decreto Cura Italia non è prevista riduzione o sospensione affitto"

“Il Decreto Cura Italia non prevede strumenti legislativi straordinari per gestire le difficoltà economiche dettate dall’emergenza sanitaria".

Emergenza Coronavirus e morosità incolpevole, Fabiano (Ciset Imperia-Savona) "Nel Decreto Cura Italia non è prevista riduzione o sospensione affitto"

“Il Decreto Cura Italia non prevede strumenti legislativi straordinari per gestire le difficoltà economiche dettate dall’emergenza sanitaria. Non esiste una norma che consenta all’inquilino di una abitazione di poter ottenere una riduzione o la sospensione del canone di locazione anche se si verificano eventi eccezionali”.

Parole di Guido B. Fabiano, il segretario generale Sicet Imperia – Savona che in merito agli affitti ed a queste voci che da tempo si stanno rincorrendo sulla rete spiega: “Con la situazione che si è venuta a determinare con il protrarsi del fermo delle attività produttive a causa del proliferare del virus, con il continuo fermo delle aziende, con l’aumento del ricorso alla cassa integrazione, alla disoccupazione ecc., diventa difficile per le famiglie assolvere al pagamento del canone di locazione. Riceviamo da molti notizie circa la possibilità di avere una riduzione del canone per norma legislativa purtroppo la notizia non è veritiera”.

“L’articolo 1467 del codice civile, nel caso in cui il pagamento del canone diventi estremamente oneroso, recita che chi non riesce ad assolvere al pagamento del canone può richiedere la risoluzione del contratto, ma con un preavviso di sei mesi. Tutto ciò non è consigliabile in quanto si incorrerebbe nelle ricerca di un nuovo alloggio che diventa problematico. A fronte di ciò ci sentiamo di dare un suggerimento a tutti coloro che si trovassero in questa situazione: concordare con il proprietario una riduzione temporanea del canone attraverso una scrittura privata che dovrà essere registrata presso l’agenzia delle entrate senza alcun costo”.

“Nel frattempo voglio informare che lo stato ha destinato per la morosità incolpevole € 46.100.000 a livello nazionale e per la Liguria sono destinati € 1.681.597,99 da distribuire alle provincie ed ai comuni per tutti coloro che non sono in grado di assolvere, per ragioni economiche, al pagamento del canone di locazione. Una goccia nel mare che non riuscirà a soddisfare tutte le domande essendoci in liguria 1820 provvedimenti di sfratto per morosità incolpevole”.

C.S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium