/ Politica

Politica | 04 aprile 2020, 19:13

Emergenza economica, la proposta di Italia Viva a fine emergenza: "Servirà una straordinaria iniezione di liquidità”

Il sindaco di Terzorio Valerio Ferrari sostiene che "ora si deve superare l'emergenza sanitaria, ma non possiamo non programmare la ripartenza dell'economia dando liquidità immediata al mondo delle imprese che sono l'ossatura della nostra economia”

Valerio Ferrari

Valerio Ferrari

“Quando sarà il momento di riaprire lo Stato dovrà mettere a disposizione del mondo economico gli strumenti necessari a mettere in moto il sistema, specialmente per il mondo delle partite IVA e delle imprese fino a 50 milioni di fatturato, che rappresentano quasi la metà dell'intero fatturato delle imprese italiane (1650 su 3400 miliardi di euro), servirà una straordinaria iniezione di liquidità”. A dirlo è Valerio Ferrari di Italia Viva della provincia di Imperia che continua: “La nostra proposta è quella di stanziare 33 miliardi di euro (2% del PIL) per garantire un prestito ponte di 412 miliardi ai 4,7 milioni di liberi professionisti, lavoratori autonomi, imprenditori individuali e società, che potranno chiedere agli istituti di credito, in modo rapido e senza burocrazia grazie alla garanzia statale, un finanziamento fino al 25% del fatturato dello scorso anno, in questo modo le imprese potranno riprendere la loro attività in sicurezza, potendo pagare fornitori, dipendenti, collaboratori e fare investimenti".

"Ora dobbiamo superare l'emergenza sanitaria - conclude Ferrari -, ma non possiamo non programmare la ripartenza dell'economia senza sostenere dando liquidità immediata al mondo delle imprese che sono l'ossatura della nostra economia”.

C.S.

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium