/ 

In Breve

| 27 marzo 2020, 07:11

“Alberghi vuoti dalla fine di febbraio, ora speriamo in luglio”: l’emergenza Coronavirus vista dal mondo degli albergatori. Intervista a Silvio Di Michele (Federalberghi)

“Possiamo dimenticare i fatturati estivi degli altri anni, confidiamo negli aiuti del Governo ma i rinvii dei pagamenti non sono la soluzione”

Silvio Di Michele (Federalberghi Sanremo)

Silvio Di Michele (Federalberghi Sanremo)

Erano gli ultimi giorni di febbraio quando, tra qualche ingenua polemica, il Comune di Sanremo in accordo con gli albergatori decideva di annullare l’edizione 2020 del Corso Fiorito. Poi l’emergenza Coronavirus è degenerata arrivando al lockdown contemporaneo. Quale futuro, quindi, per il mondo ricettivo della zona? 

Ne parliamo oggi con Silvio Di Michele per Federalberghi Sanremo. Nella Città dei Fiori tutto ha avuto a fine febbraio con l’annullamento dei ‘Carri’. Una scelta che aveva anche scatenato qualche rimostranza, salvo poi trovare conferma nello scenario prima nazionale e poi internazionale. “Abbiamo gli alberghi vuoti dalla fine di febbraio e poi si sono svuotati marzo, aprile e maggio - ha dichiarato ai nostri microfoni Di Michele - il telefono non squilla da settimane, la segreteria è vuota. Ora speriamo in luglio…”.

L’intervista a Silvio Di Michele

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium