/ Attualità

Attualità | 07 marzo 2020, 07:11

Sanremo: slot accese a 'scacchiera' e meno sedie ai tavoli per garantire le distanze al Casinò

Dopo i record di gennaio e febbraio ad inizio del mese il calo si è fato sentire, sia nelle presenze che negli incassi con i clienti che sono scesi vistosamente per l'emergenza Coronavirus

Sanremo: slot accese a 'scacchiera' e meno sedie ai tavoli per garantire le distanze al Casinò

Il Casinò di Sanremo chiude teatro ed appuntamenti pubblici ma mantiene le sale da gioco aperte, ma con una serie di accorgimenti importanti, per cercare di mantenere le distanze dei clienti che vorranno andare a tentare la fortuna.

Già nei giorni scorsi la casa da gioco matuziana aveva adottato una serie di accorgimenti per garantire la pulizia e la disinfezione di dipendenti e clienti, durante il servizio. Sono disponibili, infatti, salviette monouso e gel disinfettante che potranno essere utilizzati da tutti ma la novità di oggi riguarda la disposizione delle sedie ai tavoli da gioco ed alla situazione della sala slot.

Le macchinette, infatti, saranno accese a ‘scacchiera’, ovvero una si ed una no, per garantire la distanza di sicurezza tra i clienti. Accorgimenti anche nelle superiori, con la riduzione delle sedie ai giochi di carte ed anche alle roulette, dove sono stati ridotti gli sgabelli dove si siedono i giocatori. Il tutto per aumentare le distanze tra clienti e tra gli stessi ed i croupier.

Il Casinò, quindi, rimane aperto nelle sale da gioco, nonostante purtroppo si sono ridotte le presenze ed anche gli incassi. E’ notizia di inizio mese che la casa da gioco matuziana aveva chiuso due ottimi mesi per il via al 2020 (+6%) ma ora è sopraggiunto il naturale calo dovuto all’emergenza Coronavirus. Da ieri il trend ha di fatto ‘pareggiato’ gli incassi dello scorso anno ma, ovviamente, il trend è negativo e, molto probabilmente, lo sarà anche nei giorni scorsi.

Gli incassi di fine febbraio non avevano risentito particolarmente della prima emergenza legata al diffondersi del Coronavirus ma ora il calo si fa sentire. Anche in questo caso, come scritto già ieri un vero peccato, visto che la casa da gioco matuziana aveva appena tirato un po’ su la testa, dopo un lungo periodo di cali. L’emergenza ha chiaramente invertito la tendenza ed ora bisognerà fare i conti con quanto accadrà nei prossimi mesi.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium