/ Politica

Politica | 27 febbraio 2020, 12:19

Sanremo: lo sfogo del sindaco Biancheri sull'allerta Coronavirus “Politici in tv con la mascherina, giornali con titoli folli. La colpa della psicosi non è dei cittadini”

Il primo cittadino si è lasciato andare con un lungo post sulla sua pagina Facebook istituzionale

Alberto Biancheri, sindaco di Sanremo

Alberto Biancheri, sindaco di Sanremo

Il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri non usa mezzi termini nell'analizzare la situazione di psicosi Coronavirus che si è diffusa in questi giorni sui media e, soprattutto, tra la gente. E così Biancheri ne ha per tutti, punta il dito contro i politici con la mascherina, contro i giornali e le trasmissioni tv.

Il primo cittadino ha affidato il suo pensiero a un lungo post pubblicato sulla propria pagina Facebook istituzionale: “Politici che fanno tre conferenze stampa al giorno per non aggiungere niente se non altro panico. Che si presentano in tv con la mascherina. Che con la mascherina ci vanno in parlamento. Che profetizzano una nuova Wuhan anche nel nord Italia. Che sbraitano il rischio di migliaia di morti. Giornali che fanno titoli folli. Trasmissioni che fanno maratone televisive neanche fossimo in guerra. Se il Paese è finito nel delirio di una psicosi collettiva la colpa non è dei cittadini, ma di chi, in questi frangenti, ricoprendo ruoli istituzionali, dovrebbe dare l’esempio, agendo con fermezza ma senza drammatizzazioni, o di chi dovrebbe fare cronaca senza sensazionalismi”.

E poi: “Sullo sfondo, inascoltati quando dovrebbero essere quasi gli unici a parlare, virologi e immunologi che da giorni predicano calma, che chiedono siano prese iniziative decise ma senza drammatizzare, che ripetono senza sosta che si tratta di un’influenza virale che nell’80% dei casi neanche dà problemi, e che per la restante parte – salvo casi con un quadro clinico già difficile alle spalle – è curabile con pochi giorni di trattamento ospedaliero. Attuare tutte le azioni di prevenzione per arrestare la propagazione del contagio è un dovere. Evitare drammatizzazioni, spiegare che il mondo non sta finendo, che non è arrivata la peste, che se malauguratamente ci si ammala si guarisce, che la vita va avanti, con tutte le cose belle e le problematiche della nostra quotidianità, anche questo è un dovere. Serve ripartire subito. Abbassare i toni. Lavorare in sinergia. Riaccendere immediatamente l’economia per recuperare dall’immane danno economico che stiamo subendo”.

Noi, come amministrazione comunale, ieri ci siamo riuniti per decidere l’incremento di fondi al turismo da destinare sul bilancio 2020 e dare un forte segnale - conclude Biancheri - una misura straordinaria per sostenere il nostro principale asset economico in un momento difficilissimo, per poter organizzare grandi eventi di forte richiamo, per contribuire a riqualificare l’immagine complessiva del Paese e per recuperare quanto perduto, non appena sarà passata la buriana. Rimbocchiamoci le maniche. Andiamo avanti”.

Pietro Zampedroni

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium