/ Attualità

Attualità | 20 febbraio 2020, 08:53

Imperia: impianto di itticoltura a largo della Galeazza, i responsabili della società intervengono sul gruppo Facebook dei contrari al progetto

"Sul sito aqualavagna.it trovate tutte le informazioni", scrive Riccardo Repetto a proposito dell'impianto già presente nella cittadina in provincia di Genova "Non provoca inquinamento delle acque e non danneggia il turismo"

Imperia: impianto di itticoltura a largo della Galeazza, i responsabili della società intervengono sul gruppo Facebook dei contrari al progetto

Le polemiche sull’installazione dell’impianto di itticoltura a largo della Galeazza, spingono i responsabili di Aqua, la società che ha ottenuto la concessione demaniale per l’installazione delle vasche, a spiegare sui social il funzionamento dell’impianto, portando l’esempio di quello che si trova da circa vent’anni a Lavagna.

Riccardo Repetto, socio e consigliere di Aqua,  è intervenuto sulla pagina Facebook ‘SiAmo Galeazza’, aperta dal fronte del no, per spiegare cosa succederà una volta posizionate le vasche. Repetto, che ha risposto a diversi commenti di cittadini contrari al progetto, ha pubblicato anche una foto dell’impianto di Lavagna visto dalle spiagge, che dimostra come non ci sia impatto visivo per i bagnanti.  

Grazie anzitutto di aver accettato la mia richiesta di iscrizione. Sono Consigliere e Socio di Aqua e con piacere noto che in questo gruppo ci sono persone che realmente intendono informarsi sulla nostra iniziativa e pertanto ribadisco la nostra disponibilità ad informare. Sul sito aqualavagna.it trovate tutte le informazioni sulla società e le modalità di allevamento. Inoltre la nostra mail info@aqualavagna.it alla quale potete rivolgere le Vostre domande.

Vorrei nuovamente ribadire quanto per altro già espresso nei precedenti post in merito all impianto di maricoltura che verrà installato da Aqua ad un miglio al largo di capo Berta, l’impianto non produce alcun tipo di inquinamento delle acque, è dimostrato dall’esperienza ventennale di Lavagna e dai monitoraggi continui che vengono effettuati.

Tra l’altro Lavagna è bandiera blu da decenni ed è una delle 4 località liguri ad essere anche bandiera verde.

I nostri pesci non subiscono alcun trattamento farmacologico perché crescendo in un ambiente sano con forte ricambio di acqua non ne hanno bisogno.

I flussi turistici non subiscono contraccolpi negativi, il nostro impianto si trova davanti a spiagge ricche di stabilimenti balneari in una zona a forte vocazione turistica, nel golfo sono presenti le località di Portofino, Santa Margherita, Rapallo e Sestri Levante oltre alla stessa Lavagna.

Quindi consideriamo tutte le notizie diffuse tramite web e organi di stampa a proposito di presunto inquinamento delle acque e dei fondali, uso di antibiotici ed altri farmaci e pericolo di declino turistico dell area di Imperia prive di fondamento, false e diffamatorie”.

Francesco Li Noce

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium