/ UNITRE SANREMO

UNITRE SANREMO | 09 gennaio 2020, 17:16

Sanremo: “La collezione di lattine storiche di Tiziana Guatelli” al centro della lezione di domani con l'Unitre

Con l’ausilio di materiale video d’epoca e fotografie sarà illustrata la collezione di lattine storiche Guatelli, una raccolta unica nel suo genere perché mette insieme oltre 6.000 pezzi unici di contenitori destinati al commercio dell’olio d’oliva.

Sanremo: “La collezione di lattine storiche di Tiziana Guatelli” al centro della lezione di domani con l'Unitre

Domani, venerdì 10 gennaio, alle 16, a Sanremo, nella Sala degli Specchi di Palazzo Bellevue, appuntamento con “La collezione di lattine storiche di Tiziana Guatelli”. La lezione, nell’ambito del ciclo di conferenze dell’Università delle Tre Età di Sanremo, vedrà coinvolte Daniela Lauria, curatrice della raccolta Guatelli e Manuela Guatelli Giamminola, collezionista di latte per olio.

Con l’ausilio di materiale video d’epoca e fotografie sarà illustrata la collezione di lattine storiche Guatelli, una raccolta unica nel suo genere perché mette insieme oltre 6.000 pezzi unici di contenitori destinati al commercio dell’olio d’oliva. Le immagini litografiche effigiate su ciascun imballaggio sono testimonianza della storia dello sviluppo industriale non solo di Imperia e della Liguria perché ricoprono un ruolo fondamentale a livello nazionale: dai primi del Novecento si sono concentrati i più importanti stabilimenti che producevano packaging in banda stagnata per l’esportazione italiana.

"Sicuramente degne di nota le opere appartenenti a numerosi disegnatori di fama nazionale ed internazionale impiegate in questa forma d’arte. Ma sono altrettanto interessanti le realizzazioni di artisti e grafici per lo più sconosciuti che consentono di avere un quadro abbastanza ampio dell’evolversi del gusto degli italiani nell’arco di cento anni. - spiegano gli organizzatori - In Liguria, infatti, tra la fine dell’800 e i primi del 900 si sono concentrate le maggiori industrie che, grazie all’utilizzo di macchinari all’avanguardia, sono riuscite a produrre contenitori in grado di soddisfare le esigenze di un’industria tipicamente esportatrice. Sono presenti latte di numerosi disegnatori di fama nazionale ma anche realizzazioni legate alla produzione locale spesso di qualità altrettanto rilevante. Le scatole non rappresentano solo oggetti di vita domestica ma affermano anche l’esistenza di un tessuto industriale minore".

"Nella collezione si possono ammirare gli affascinati contenitori di banda stagnata caratterizzati da spettacolari accostamenti cromatici tipici dell’art nouveau, del periodo liberty e delle avanguardie. Ma, accanto alle famiglie piccolo-borghesi che vivevano in perfetta tranquillità alle quali erano destinati quelle splendide latte, vi erano anche le persone più povere e diseredate che si imbarcavano per le Americhe, alla ricerca della fortuna. Gli emigranti nostalgici della patria, oltre che dell’olio, non si accontentavano della solita scatola: la volevano bella e decorata con simboli prestigiosi" - aggiungono.

"In mostra si possono osservare le lattine dove sono stati effigiati i personaggi più famosi: i grandi geni Giotto, Leonardo e Raffaello; i poeti e letterati Ariosto e Carducci; i personaggi della lirica Tosca, Otello e Rigoletto. Molto ricca, inoltre, la serie patriottica: Garibaldi, Mazzini, Umberto I fino ai membri della famiglia reale, passando attraverso gli avvenimenti che, in quel momento, appassionavano il mondo come la marca “Nobile” che ricorda lo sfortunato viaggio polare del dirigibile italiano" - chiosano.

C.S.

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium