Leggi tutte le notizie di SALUTE E BENESSERE ›

INFERMIERE E SALUTE | 05 gennaio 2020, 06:00

Non bastavano il punteruolo rosso e la vespa velutina ecco un nuovo ospite: la zanzara coreana

Diciamo subito che in Italia non vi è stato nessun caso di encefalite giapponese ed è anche molto difficile il contagio nei paesi dove questa malattia è presente, per cui nessun allarmismo

Non bastavano il punteruolo rosso e la vespa velutina ecco un nuovo ospite: la zanzara coreana

L’anno nuovo è appena iniziato e un nuovo “ospite” si appresta ad occupare il nostro paese.

Non bastavano il punteruolo rosso, la vespa velutina e compagnia cantante, importate da altri paese con le merci provenienti da oriente, ora ha fatto il suo ingresso la zanzara coreana.

Il nome scientifico, ovvero Aedes Koreicus indica un a zanzara, un pochino più grossa della zanzara tigre, in grado di essere vettrice dell’encefalite giapponese per l’uomo e della filariosi per i nostri amici a quattro zampe.

Diciamo subito che in Italia non vi è stato nessun caso di encefalite giapponese ed è anche molto difficile il contagio nei paesi dove questa malattia è presente, per cui nessun allarmismo, ricordando che la zanzara è solo un vettore per cui per infettarci deve aver punto prima di noi una persona infetta; il che riduce di molto la problematica; inoltre in un futuro in cui questa patologia dovesse diffondersi in Italia, è disponibile un efficace vaccino.

La maggior parte delle infezioni da encefaliti sono lievi (febbre e mal di testa) o senza sintomi apparenti, ma circa 1 su 250 infezioni provoca gravi malattie cliniche. Il periodo di incubazione è tra 4-14 giorni. Nei bambini, il dolore e il vomito gastrointestinali possono essere i sintomi iniziali dominanti. La malattia grave è caratterizzata da una rapida insorgenza di febbre alta, mal di testa, rigidità del collo, disorientamento, coma, convulsioni, paralisi spastica e infine morte. Il tasso di mortalità per caso può raggiungere il 30% tra quelli con sintomi di malattia.

Di coloro che sopravvivono, il 20% -30% soffre di sequele permanenti intellettuali, comportamentali o neurologiche come paralisi, convulsioni ricorrenti o incapacità di parlare.

Invece la filariosi  del cane (e di altri animali) è una malattia parassitaria causata dall'immite da dirofilaria, altrimenti nota come filaria.

Il parassita è incredibilmente pericoloso, questo perché la forma adulta di questo parassita si installa nella parte destra del cuore. Pertanto, non solo la  rimozione è complessa, ma può causare danni considerevoli all'organismo di un cane.

In Italia il primo avvistamento di zanzara coreana invasiva di origine asiatica è stato nel 2011 nella provincia di Belluno e ad oggi, in Italia, è presente in almeno 5 regioni (Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Veneto, Lombardia e Liguria) Grazie alla sua tolleranza alle temperature piuttosto basse (fino a 10 gradi), la zanzara coreana riesce a colonizzare aree collinari e montuose, non raggiunte dalla zanzara tigre. Le zanzare riescono quindi a restare in vita anche nel periodo più freddo, annidandosi in luoghi come garage, cantine e spazi esterni con un microclima adatto alla loro sopravvivenza .

E a differenza delle altre zanzare ama “lavorare “ durante il giorno.

Fonti:

>> Ministero della salute

>> Istituto Zooprofilattico Sperimentale  del Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta

>> Centro europeo per la prevenzione ed il controllo delle malattie

>> Malattie dei cani.it

                                                          

Disclaimer:

Tutti gli articoli redatti dal sottoscritto, si avvalgono dei maggiori siti e documenti basati sulle evidenze, ove necessario sarà menzionata la fonte della notizia: essi NON sostituiscono la catena sanitaria di controllo e diagnosi di tutte le figure preposte, come ad esempio i medici. Solo un medico può effettuare la diagnosi ed approntare un piano di cura.

Le fonti possono non essere aggiornate e allo stato dell’arte possono esservi cure, diagnosi e percorsi migliorati rispetto all’articolo.

Immagini, loghi o contenuti sono proprietarie di chi li ha creati, chi è ritratto nelle foto ha dato il suo consenso implicito alla pubblicazione.

Le persone intervistate, parlano a titolo personale, per cui assumono la completa responsabilità dell’enunciato, e dei contenuti.

Il sottoscritto e Sanremonews in questo caso non ne rispondono.

 

Compito dell’infermiere è la somministrazione della cura, il controllo dei sintomi e la cultura all’ Educazione Sanitaria.

Roberto Pioppo

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

domenica 27 settembre
domenica 13 settembre
domenica 09 agosto
domenica 26 luglio
domenica 19 luglio
domenica 12 luglio
domenica 21 giugno
domenica 14 giugno
domenica 07 giugno
domenica 31 maggio
domenica 24 maggio
domenica 17 maggio
domenica 10 maggio
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium