Leggi tutte le notizie di SALUTE E BENESSERE ›

Politica | 06 dicembre 2019, 18:40

Ripresa dei lavori di raddoppio del tunnel di Tenda, deroghe per i mezzi pesanti nella Val Roya e treni più veloci sulla Cuneo-Ventimiglia

Questi i temi affrontati oggi alla Conferenza Intergovernativa italo francese a Roma

Ripresa dei lavori di raddoppio del tunnel di Tenda, deroghe per i mezzi pesanti nella Val Roya e treni più veloci sulla Cuneo-Ventimiglia

Ripresa dei lavori di raddoppio del tunnel di Tenda, deroghe per i mezzi pesanti nella Val Roya e treni più veloci sulla Cuneo-Ventimiglia. Questi i temi affrontati oggi alla Conferenza Intergovernativa italo francese a Roma, cui ha partecipato l’assessore ai Trasporti della Regione Piemonte Marco Gabusi con i tecnici piemontesi Giovanni Ruberto, per il settore stradale, e Marina Veneziano, per il comparto ferroviario. 

«Siamo moderatamente soddisfatti – commenta l’assessore Gabusi – per lo sblocco del cantiere del Tenda. Dico moderatamente perché quest’opera è comunque in ritardo e il territorio sta soffrendo ormai da troppo tempo». Il cantiere per il raddoppio del tunnel stradale del Col di Tenda, bloccato a maggio 2017, quando risultavano eseguiti il 23% delle opere (poco meno di 31 milioni di euro del contratto iniziale pari a 133,1 milioni), è in attesa di riaprire a seguito del nuovo affidamento Edilmaco nel maggio 2019. L’ipotesi iniziale di riapertura a settembre 2019 è infatti slittata, ma sembrano esserci notizie positive. «I tempi ora sembrano essere più chiari – conferma l’assessore Gabusi - e ci sono tutti gli elementi per riaprire presto il cantiere. Anas sta infatti predisponendo con Edilmaco la perizia di variante ed entro una decina di giorni avremo la relazione. Inoltre, entro un mese e mezzo il consorzio inizierà la rimozione del materiale anidritico, indispensabile per poter riprendere i lavori. Ora che Anas ha ufficialmente sgombrato il campo dalle ipotesi di cambiamenti o ridimensionamenti del progetto trapelate nelle scorse settimane, presumiamo che lo scavo della galleria possa iniziare per la primavera 2020».

Aperture al dialogo e convergenza anche sul fronte dei trasporti ferroviari. È infatti confermata la disponibilità per il rinnovo della convezione italo francese che consente la manutenzione e la messa in sicurezza della linea ferroviaria Cuneo-Ventimiglia. «La prospettiva per la firma di una nuova convezione è fissata entro l’anno 2020 – spiega l’assessore Gabusi –.  Immediatamente dopo la Regione Piemonte potrà chiedere l’aumento della velocità dei treni, che era stata ridotta dal gestore dell’infrastruttura francese per salvaguardare l’infrastruttura in assenza di garanzie sull’assunzione degli oneri di manutenzione da parte degli stati e così rendere più rapido il collegamento. Le tre Regioni interessate, Piemonte, Liguria e Auvergne-Alpes du Sud hanno inoltre concordato di mettere in atto tutte le azioni utili per inserire la tratta nelle linee transfrontaliere». Questo consentirebbe di accedere ai fondi europei e avere così finalmente un polmone economico per il potenziamento della tratta. «Il percorso – commenta l’assessore – è senz’altro articolato, ma ritengo che si siano gettate le basi per una nuova stagione della Cuneo-Ventimiglia».

 

 

Francesco Li Noce

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

giovedì 06 agosto
mercoledì 05 agosto
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium