/ Attualità

Attualità | 26 novembre 2019, 13:48

Ospedaletti: lunedì il ritorno a scuola, smentite dall'ex Sindaco le voci sulla presunta mancata manutenzione

Al momento, anche se serviranno delle perizie per confermarlo, l’ipotesi più accreditata per il danno che si è verificato ieri è una tubazione che si è rotta e che ha provocato la fuoriuscita di acqua che ha poi invaso il terreno, successivamente franato.

Ospedaletti: lunedì il ritorno a scuola, smentite dall'ex Sindaco le voci sulla presunta mancata manutenzione

Ad Ospedaletti il ‘giorno dopo’ la chiusura del plesso scolastico e le restrizioni per il campo sportivo, si lavora affinchè i 235 alunni possano tornare sui banchi al più presto. Sindaco, Amministrazione e dirigenza scolastica stanno lavorando per trovare la sistemazione ai ragazzi, compresi gli spostamenti di quelle suppellettili necessarie allo svolgimento delle lezioni.

Al momento, dopo la chiusura di ieri è stato confermato che, gli alunni della scuola Materna e delle Elementari torneranno quasi sicuramente al loro posto, nel plesso di via Marconi, mentre le Medie andranno nella Parrocchia, come anticipato ieri.  

Nel frattempo ad Ospedaletti circolano voci sulla possibile mancata manutenzione dei canali di scolo per circa un anno e mezzo e che, da corso Marconi scendono sotto la scuola e sotto il campo sportivo. Una eventualità totalmente smentita dall’ufficio tecnico del Comune che, anzi, ha confermato l’effettuazione costante della manutenzione stessa. Al momento, anche se serviranno delle perizie per confermarlo, l’ipotesi più accreditata per il danno che si è verificato ieri è una tubazione che si è rotta e che ha provocato la fuoriuscita di acqua che ha poi invaso il terreno, successivamente franato.

Anche l’ex Sindaco Paolo Blancardi ha confermato che, nel periodo del suo mandato le manutenzioni sono state fatte regolarmente: “Quanto accaduto è assolutamente diverso e dobbiamo attendere la perizia – ha detto – perché il muro di contenimento non si piegato ma si è aperto nelle giunzioni. E non ha sfondato bensì c’è uno scivolamento dovuto all’acqua ma bisogna verificare se si è trattato di una falda che è sotto oppure se si è rotto un tubo. Abbiamo stanziato molti soldi, nel periodo da noi amministrato e, quindi, sono certo che la manutenzione sia stata fatta. Sicuramente si è trattato di un caso straordinario, come avvenuto nella zona superiore, dove tra l’altro abita il Sindaco Cimiotti. D’altronde siamo in una zona che si trova sul costone di una collina, con un torrente da una parte ed uno dall’altra. Credo che i lavori siano stati fatti in modo consono. Se poi serviranno controlli in più con quanto accaduto, questo non lo so”.

Intanto il Sindaco Daniele Cimiotti ci ha confermato che gli adempimenti sono stati fatti regolarmente nella scuola anche nel periodo del suo mandato. Nella scuola gli ingegneri stanno facendo tutte le verifiche del caso: “Attendiamo ora – ha detto il primo cittadino – le perizie per determinare se l’ala Nord è agibile o meno. Ma, nonostante questo, non farò entrare nessuno fino a quando non mi confermeranno che tutte le acque meteoriche saranno rimosse e che tutti i tubi di scarico saranno sistemati. Dovremo inoltre fare in modo che lo scolo delle acque sia assicurato”.

Anche il Consigliere di minoranza, Maurizio Taggiasco è convinto che le manutenzioni siano state fatte regolarmente e, anzi, si mette a disposizione per dare una mano all’Amministrazione: “Come minoranza siamo pronti a fare il nostro ruolo”.

Questa mattina della scuola di Ospedaletti ha anche parlato l’Assessore regionale Marco Scajola: “Attendiamo le perizie – ha detto - ma siamo pronti ad intervenire come Regione, anche per Ospedaletti. Da evidenziare che, nelle richieste che fare al Governo, ci sarà anche un piano ed un intervento straordinario nell’edilizia scolastica della nostra regione. Non possiamo pensare di fare interventi noi, con micro bandi, che non sono sufficienti per i ‘macro’ problemi che abbiamo”.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium