/ Attualità

Attualità | 22 novembre 2019, 14:30

Imperia: l'ISS Marconi presenta la nuova area meccatronica, la preside "Un battesimo per una scuola che rinasce" (foto e video)

Il futuro a volte può essere a portata di mano, tanto che a vederlo nella sua semplicità e nei gesti semplici, si rimane per un attimo frastornati

Imperia: l'ISS Marconi presenta la nuova area meccatronica, la preside "Un battesimo per una scuola che rinasce" (foto e video)

Il futuro a volte può essere a portata di mano, tanto che a vederlo nella sua semplicità e nei gesti semplici, si rimane per un attimo frastornati. Succede all’ISS Marconi, ex Ipsia, l’istituto di via Gibelli a Imperia che negli ultimi mesi era stato tristemente noto alle cronache per la vicenda dell’auto della scuola utilizzata dall’ex dirigente scolastico.



Il Marconi però decisamente di più, e per questo merita ancora spazio sui giornali. Oggi, l’istituto, guidato da quest’anno dalla professoressa Daniela Pistorino, ha presentato alla stampa una nuova area di meccatronica: due aule in tutto, una in cui i ragazzi fanno progettazione e sviluppo di idee che poi vedono la luce nei sotterranei della scuola, dove si trova la sala, intitolata all’accademica e giurista Bettisia Gozzardini, allestita con componenti di robotica e accanto, non a caso, i ‘disegni’ di Leonardo da Vinci. Qui i progetti vengono stampati in 3D, grazie a due stampanti professionali messe a disposizione da Emco Group.

Tra quelli più innovativi, ma già pronto all’uso nei piccoli gesti quotidiani, c’è il progetto dello studente Alessandro Caviglia, che ha lavorato su una mano prensile che riesce a guidare tramite un guanto dove si trovano i sensori di flessione.

La mano è controllata dai sensori, - spiega – che vengono tramutati con una scheda Arduino e rimandati come segnale a dei servomotori. Ogni dito ha due servomotori, che sarebbero le falangi, per simulare in modo quasi perfetto il movimento della mano e avere le stesse dinamiche a seconda di quanto viene piegato il dito. È stata realizzata con le stampanti 3D. E’ un progetto a cui inizialmente ho lavorato da solo, poi sono stato aiutato da dei professori, anche in fase di progettazione in modo da simulare perfettamente il movimento. Per quanto riguarda gli usi che se ne possono fare, in questo momento può afferrare tranquillamente gli oggetti, più avanti si cercherà di arrivare fino alla spalla, in modo da poter afferrare oggetti e spostarli in modo automatico, o simulare il movimento dell’essere umano”.

Oggi – ha commentato la preside – è un giorno importante per questa scuola, una scuola nuova con una nuova dirigente e un nuovo staff, e soprattutto molti nuovi progetti. Già, nonostante il tempo che ho trascorso qui sia ancora poco, tante bellissime novità, progetti, questa nuova area meccatronica, nuovi nomi per le aule, ma anche tanti nuovi progetti per i ragazzi. Abbiamo dei bellissimi progetti con tutte le attività con Confindustria, Confartigianato, con tutto il territorio, proprio perché questa scuola adesso sta rinascendo. Questo è una sorta di battesimo per la mia scuola, una nuova nascita, un nuovo inizio, perché l’Ipsia, che ha avuto una bellissima storia entra nel nostro patrimonio di ricordi, ma questo è l’ISS Marconi, che è una scuola diversa, ed è una scuola molto importante. Ricordiamoci che è una scuola che dà enormi possibilità lavorative, già solo dopo il diploma, e adesso sto prendendo accordi per organizzare anche dei corsi post diploma e per organizzare una prosecuzione degli studi dei miei ragazzi e di quelli degli istituti tecnici che vorranno seguirci”.

La presentazione di questa mattina ha visto la partecipazione delle autorità civili e militari, e esponenti dell’associazionismo imperiese.

Francesco Li Noce

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium