/ Attualità

Attualità | 19 ottobre 2019, 18:11

Ventimiglia: barriere architettoniche nella città alta, l’associazione ‘Albintimilium’ realizza un video per mostrare l’inaccessibilità del centro storico

Da sempre il primo obiettivo dell’associazione è la riconversione delle aree urbane in ottica di accessibilità, affinché la città possa essere apprezzata da tutti in ogni sua parte.

Ventimiglia: barriere architettoniche nella città alta, l’associazione ‘Albintimilium’ realizza un video per mostrare l’inaccessibilità del centro storico

“Vorrei ma non posso" è questo il titolo del al video realizzato dall’associazione Albintimilium per mostrare l'inaccessibilita del centro storico di Ventimiglia. Nei giorni scorsi è stata inoltre presentata in Comune un'istanza sulla problematica con alcune possibili soluzioni per rendere accessibile a tutti il centro storico. Da sempre, infatti, il primo obiettivo dell’associazione è la riconversione delle aree urbane in ottica di accessibilità, affinché la città possa essere apprezzata da tutti in ogni sua parte.

“Auspichiamo - si legge nell’istanza - che l’Amministrazione possa fare uno sforzo per mettere in atto tutto ciò che sia in suo possesso da garantire la mobilità a tutti, anche chi si trova a spostarsi con carrozzina, in un contesto particolare come il nostro centro storico che è spesso luogo di manifestazioni ed eventi come è stato in occasione della "Circondata" del 10 agosto appena trascorso, la quale manifestazione ha visto la partecipazione di molte persone tra cui alcune in carrozzina, le quali però hanno dovuto essere sollevate di peso per superare le barriere architettonoche per giungere e ammirare gli spettacoli in piazza San Michele e piazza Borea e non in autonomia.” 

L’associazione ha presentato inoltre una relazione che descrive nel dettaglio cosa si dovrà fare per l’adozione del percorso all’interno del centro storico, senza barriere architettoniche. “La nostra idea associativa si alimenta dalla viva volontà di "cambiare le cose"  - spiegano - credendo fortemente che sia possibile costruire un futuro ed un territorio migliore basato sempre sull'integrazione sociale che, con l'eliminazione di barriere, possa garantire a tutti la fruibilità del nostro territorio comunale.”

Simona Della Croce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium