/ Politica

Politica | 02 ottobre 2019, 14:33

Dolcedo, una nuova scuola e centro storico a misura d'uomo, presentato il progetto di riqualificazione urbana (foto e video)

Il punto di forza del progetto riguarda la scuola, già finanziata con fondi statali e in parte comunali. L’edificio sorgerà nelle vicinanze dell’attuale campo di calcio a 11, ormai inutilizzato, che nell’intervento di riqualificazione, anche questo già finanziato, sarà ridotto a campo a 7. Nello spazio rimanente il progetto prevede di ricavarne un parcheggio con una sessantina di posti auto, e un parco giochi

Dolcedo, una nuova scuola e centro storico a misura d'uomo, presentato il progetto di riqualificazione urbana (foto e video)

Puntare su una nuova scuola all’avanguardia e sul turismo. Questo l’obiettivo del Comune di Dolcedo che questa mattina, alla presenza del Sindaco Giovanni Danio, dell’Assessore Regionale all’Urbanistica Marco Scajola e dei tecnici, ha presentato il progetto di riqualificazione urbana basato su diversi interventi, in parte già finanziati, che serviranno a rendere il paese più vivibile per turisti e non solo.



Il punto di forza del progetto, come detto, riguarda la scuola, già finanziata con fondi statali e in parte comunali. L’edificio sorgerà nelle vicinanze dell’attuale campo di calcio a 11, ormai inutilizzato, che nell’intervento di riqualificazione, anche questo già finanziato, sarà ridotto a campo a 7. Nello spazio rimanente il progetto prevede di ricavarne un parcheggio con una sessantina di posti auto, e un parco giochi.

Fatto questo, l’idea è quella di rendere a misura d’uomo il centro storico, limitando l’accesso delle auto. Per realizzare il progetto occorre però un ultimo stanziamento di fondi che riguarda la strada di collegamento tra il centro e la scuola, per cui è stato chiesto un finanziamento a Regione Liguria, che interverrebbe anche sulla costruzione di una palestra-auditorium, che Danio e i progettisti, l’architetto Claudio Bottero e l’ingegner Tiziano De Silvestri, vorrebbero vicino alla scuola.

Noi stiamo lavorando molto con tutti i comuni della Liguria, - ha commentato Scajola - ma abbiamo un occhio di riguardo agli splendidi paesi dell’entroterra come Dolcedo perché questi paesi hanno potenzialità straordinarie. Noi vogliamo aiutarli soprattutto nel mantenere e far crescere anche la vivibilità di questi paesi, è fondamentale che mantengano i servizi, il primo per mantenere le persone e far venire persone a vivere in questa realtà è la scuola. Dolcedo ha già avuto, attraverso Regione e Ministero, un finanziamento per la nuova scuola, è in graduatoria e in attesa di iniziare i lavori, ma allo stesso tempo stiamo potenziando questo finanziamento con la nuova vivibilità, una rigenerazione urbana e una nuova possibilità di collegare questa scuola, quindi anche con la viabilità che cambierà, nuovi parcheggi e nuove possibilità di sgombrare il centro storico dalle auto e allo stesso tempo dare servizi al paese. Siamo molto contenti, spero che tutto si possa fare anche in tempi relativamente brevi. Presto partirà il bando di rigenerazione urbana, più di 400mila euro per i comuni per fare i progetti, ieri a Genova abbiamo cominciato a presentare il piano territoriale regionale, a fine ottobre saremo a Imperia per presentarlo ai comuni locali. Anche in quel caso si parla di valorizzazione delle nostre realtà: costa, città e entroterra. Quindi un grande lavoro, anche ambizioso se vogliamo, ma credo che stare qua nei comuni, lavorare coi sindaci, fianco a fianco ai cittadini, ci permetta di portare a casa dei risultati importanti che la Liguria aspetta veramente da molto tempo”.

Parliamo di riqualificazione su tutto il territorio dal centro del Comune di Dolcedo. – ha spiegato Danio - Faremo una nuova scuola, questo è un progetto finanziato con fondi statali e in parte comunali, e abbiamo in essere di fare anche una nuova strada che eviti il transito delle auto al centro del paese. Noi vorremmo fare una variante che tagli fuori tutto il centro storico, in quanto il nostro è un comune a prevalenza turistica e tutte le macchine che girano nel paese danno un immagine poco bella. Il nostro è un paese veramente carino, che ha puntato fortemente sul turismo, e riteniamo che questa sia una svolta strategica. Iniziamo con il rifacimento del campo a 11 attualmente inutilizzato, faremo un parcheggio per una sessantina di macchine e il campo sarà a 7. La restante parte sarà un parco giochi per i bambini. Questo è stato l’inizio della riqualificazione, ora con la nuova scuola e speriamo con la nuova strada, di dare un’immagine totalmente differente del nostro comune. Il progetto comprende anche un auditorium. La scuola è praticamente finanziata, mancano questa parte e quella della strada”.

Lorenzo Bonsignorio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium