/ Cronaca

Cronaca | 09 agosto 2019, 12:11

Triora: indagine sulla società 'Terra Brigasca', la difesa di Di Fazio "Nessuno sfruttamento, taglio alberi autorizzato da Regione"

Di Fazio è stato indagato per una vicenda che lo riguarda come amministratore delegato di una società e non nel suo ruolo di sindaco del paese delle streghe, tuttavia il primo cittadino ha deciso di replicare come tale "Intervengo con franchezza ed a tutela dell'immagine del nostro comune"

Massimo Di Fazio

Massimo Di Fazio

“Quello che è accaduto in questi giorni, mi procura dispiacere ma sono sereno, ho piena fiducia negli organi di controllo e attendo fiducioso il risultato delle indagini”.

E' questo il primo concetto che Massimo Di Fazio ha voluto rimarcare a più riprese durante un'intervista rilasciata a Sanremo News a 24 ore dalla diffusione della notizia sull'indagine aperta a carico della sua società 'Terra Brigasca', per presunto inquinamento ambientale e sospetti abusi edilizi relativi alla gestione della foresta di Gerbonte. 

Un'indagine che riguarda Di Fazio non come sindaco di Triora ma come imprenditore. Vero, - replica - tuttavia, su alcuni quotidiani è stato scritto 'indagato sindaco di Triora', nonostante l'indagine non riguardi in alcun modo il ruolo istituzionale che ricopro. Ho deciso di intervenire con franchezza per la tutela dell’immagine del nostro bellissimo Comune, purtroppo coinvolto. Affronto l’argomento con serenità, e sempre a testa alta. Sapevo quando ho deciso di candidarmi che sarei stato molto osservato come del resto è giusto che sia nei riguardi di chi ha ruoli istituzionali. Lo sapevo prima e anche durante questi 12 mesi di lavoro non dietro una scrivania ma in prima linea e in strada, lavoro che ha portato risultati eccellenti senza gravare sulle casse comunali, lavori sotto gli occhi di tutti, di cui io e il mio gruppo andiamo orgogliosi”. 

Veniamo alla questione oggetto dell'indagine l'attività della società Terra Brigasca. “La società di cui sono amministratore delegato ha preso in concessione la meravigliosa foresta di Gerbonte con regolare procedura amministrativa. - spiega Di Fazio - Per dovere verso il Comune che rappresento ci tengo a rimarcare che la foresta non è stata sequestrata come erroneamente detto da qualcuno ma sono stati chiusi solo i 200 mt interessati dall’inizio lavori”. 

Tra gli aspetti al centro dell'attività di indagine condotta dai Carabinieri Forestali c'è quello relativo all'uso dell'area. “Ho letto  di sfruttamento dell’intera area demaniale per taglio alberi. Ecco, voglio precisare che il piano di taglio è approvato e autorizzato da Regione Liguria e fa parte di un finanziamento regionale. - prosegue - In tempi recenti la società che rappresento ha presentato un progetto autorizzato, per la realizzazione di un viale tagliafuoco, funzionale, in quanto Triora risulta al livello massimo della classificazione per pericolo incendi. Questa è prevenzione e tutela di una delle meraviglie della nostra regione e non il contrario”

Allora che cos'è successo? “Credo ci sia stato un errore non voluto. - analizza Di Fazio - Manca un nullaosta dal Parco Alpi Liguri, un errore di comunicazione che non voglio caricare su nessuno perché non è nel mio carattere. Me ne assumo io la responsabilità, sicuro che le autorità procederanno secondo la legge di cui ho piena fiducia. Alla fine penso che emergerà chiaramente che si tratta di una mancanza amministrativa e non di un abuso penale”.

Quindi con questa intervista è intervenuto come sindaco sull'accaduto? Penso che proprio in quanto sindaco fosse necessaria una precisazione. Quindi in attesa che tutto possa essere chiarito, riprendo a lavorare perché stiamo facendo tanto e bene. Queste risposte erano necessarie e doverose per i cittadini che rappresento, per il gruppo che ogni giorno ho al mio fianco, dagli amministratori agli uffici, ai collaboratori, oltre a tutte le persone che ripongono fiducia nella mia persona quotidianamente e aggiungo anche per la mia famiglia” - conclude il sindaco di Triora.

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium