/ Attualità

Attualità | 06 agosto 2019, 14:59

Nonostante l'aumento dei turisti nella nostra provincia cala la 'domanda' ed il numero delle escort

Molte escort lavorano almeno fino al 15 agosto, per poi concedersi un periodo di ferie mentre altre non lo fanno perchè si muove poco denaro, poi dipende anche dalla disponibilità degli appartamenti.

Nonostante l'aumento dei turisti nella nostra provincia cala la 'domanda' ed il numero delle escort

Anche nella nostra regione c’è un andamento ‘vivace’ quando si parla di migrazione delle ‘escort’ in estate. Tra fine settimana da bollino nero e milioni di italiani in viaggio sulle autostrade, anche le ‘professioniste del sesso’ decidono di spostarsi per lavoro o per piacere.

Ma, se per molte di loro raggiungere località turistiche lasciando le città spopolate è una delle strategie per aumentare i profitti e regalarsi anche qualche giorno di vacanza, nella nostra provincia troviamo un andamento opposto. Strano perché con l’arrivo dei turisti i potenziali ‘clienti’ aumentano ed invece, secondo il motore di ricerca ‘Escort Advisor’, in provincia di Imperia nel mese di giugno si è registrato un calo del 36% di presenze, rispeto al 2018.

Ogni anno ad agosto da 5 anni nel settore si riscontra un aumento di presenze nelle maggiori località turistiche, soprattutto marittime. Il calo di presenze generale, soprattutto nelle grandi città, è imputabile anche al fatto che ad agosto anche le ‘sex workers’ si concedono un periodo di vacanza di almeno due settimane. Rimane da capire se, anche quest’anno come sembra fino ad ora, queste tendenze saranno confermate.

Molte escort lavorano almeno fino al 15 agosto, per poi concedersi un periodo di ferie mentre altre non lo fanno perchè si muove poco denaro, poi dipende anche dalla disponibilità degli appartamenti.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium