/ Attualità

Attualità | 06 luglio 2019, 07:11

Nuove location per i matrimoni civili a Molini di Triora e nelle frazioni: ecco dove gli sposi potrebbero pronunciare il 'Sì'

Una necessità avanzata dai tanti stranieri che arrivano nella Valle Argentina e si innamorano di questo angolo di entroterra.

Nuove location per i matrimoni civili a Molini di Triora e nelle frazioni: ecco dove gli sposi potrebbero pronunciare il 'Sì'

Pronunciare il fatidico ‘Sì’ sulle sponde del laghetto delle noci a Molini di Triora potrebbe diventare presto realtà. Ieri il consiglio comunale del borgo ha votato all’unanimità il regolamento per la celebrazione dei matrimoni civili.

Una pratica seguita dal presidente del consiglio comunale, Gianluca Ozenda. “Con questo punto all’ordine del giorno andiamo a rispondere ad alcune richieste di potersi sposare in luoghi diversi del territorio comunale. Il regolamento interviene sulle modalità e soprattutto indicando dove ci si potrà sposare” - ha spiegato il presidente.

Fino ad oggi Molini di Triora permetteva di sposarsi all’interno del Municipio ma da qualche tempo sono state numerose le richieste di poter ufficializzare la propria unione anche in luoghi più suggestivi. Una domanda che è stata rivolta al comune soprattutto dai tanti stranieri che arrivano nella Valle Argentina e si innamorano di questo entroterra. 

Così, nelle scorse settimane, tutti gli amministratori, sia di maggioranza che di minoranza, sono stati chiamati ad indicare alcuni punti tra il capoluogo e le frazioni che potrebbero ospitare i matrimoni civili. In questa fase preliminare è stato stilato un primo elenco dove oltre al laghetto delle noci, troviamo anche il Museo dell’Acqua e l’Aia Capponi a Molini di Triora, mentre per le frazioni sono stati indicati: ad Andagna, il porticato nella piazza antistante la chiesa ed il piazzale in località San Bernardo; a Glori, la piazza dalla chiesa; ad Agaggio Inferiore, l’ex scuola elementare; a Corte piazza San Tommaso.

Il regolamento così approvato verrà sottoposto alla Prefettura che dovrà valutare l’idoneità dei luoghi e del documento e nel caso dare il proprio assenso. A quel punto la giunta di Molini sarà chiamata a determinare anche le tariffe per potersi sposare in questi angoli caratteristici. 

Stefano Michero

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium