/ Attualità

Attualità | 04 luglio 2019, 07:14

Entro 18 mesi cambieranno i codici dei pronto soccorso: dai colori ai numeri ma tempi d'accesso ben definiti

In pratica verrà rimosso quello dei colori (dal bianco al rosso) e si passerà a quello dei numeri (da 1 a 5). Sarà prevista l’introduzione dei tempi massimi di attesa, dai 15 ai 240 minuti al massimo.

Entro 18 mesi cambieranno i codici dei pronto soccorso: dai colori ai numeri ma tempi d'accesso ben definiti

E’ pronta una piccola rivoluzione all’interno dei pronto soccorso di tutta Italia e, ovviamente anche nella nostra provincia. E’ stata infatti messa a punto, dal Ministero della Salute una proposta per rivedere l’accesso ai servizi di emergenza degli ospedali.

Sarà profondamente modificato il sistema del ‘triage’, quello che decide la priorità di intervento in base all’urgenza del caso. In pratica verrà rimosso quello dei colori (dal bianco al rosso) e si passerà a quello dei numeri (da 1 a 5). Sarà prevista l’introduzione dei tempi massimi di attesa, dai 15 ai 240 minuti al massimo.

Le linee di indirizzo nazionali sul triage rientrano in un pacchetto che è all’esame delle Regioni, anche se alcune hanno per ora rinviato l’intesa, mantenendo i colori se già sono in uso almeno in fase di transizione. Il cambio dai colori ai numeri avverrà progressivamente entro 18 mesi dalla pubblicazione del documento. Il fattore più importante è il tempo massimo di attesa, dall’accesso immediato per l’emergenza più alta, alle 4 ore per le situazioni di non urgenza.

Il numero 1 riguarda i casi di emergenza massimo e prevede l'accesso immediato del paziente. Il 2 è quella relativa al ‘rischio di compromissione di funzioni vitali o condizione stabile con rischio evolutivo o dolore severo’, e l’accesso entro 15 minuti. I codici 3 e 4 sono di ‘urgenza differibile’ o ‘urgenza minore’ e, in questo caso, l’accesso va da un’ora a due ore. Il codice 5 è la ‘non urgenza’ anche se l'accesso deve avvenire entro le 4 ore.

Carlo Alessi

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium