/ Politica

Politica | 20 giugno 2019, 12:11

Sanremo: discussione sugli artisti di strada, Giuseppe Faraldi "I 5 Stelle non conoscono i fatti, io c'ero!"

“L’artista è stato tutelato dai cittadini e dalla Municipale – ha detto Faraldi – e posso confermare che si è trattato di un fatto di maleducazione di una sola persona. Gli agenti si sono comportati in modo perfetto e professionale mentre i presenti hanno incoraggiato l’artista ad andare avanti e, infatti, la sua esibizione è poi proseguita”.

Sanremo: discussione sugli artisti di strada, Giuseppe Faraldi "I 5 Stelle non conoscono i fatti, io c'ero!"

“Quanto a perdere i pezzi sembra che loro siano maestri mentre, sul regolamento, mi sembra l’Amministrazione abbia ottenuto il risultato che voleva, ovvero non avere musica di scarsa qualità, ma artisti che vogliono esibirsi e ben tutelati”.

Interviene in questo modo il Consigliere comunale di maggioranza a Sanremo, Giuseppe Faraldi, in risposta al Movimento 5 Stelle che, nella giornata di ieri (cliccando QUI) aveva attaccato sulla vicenda di Andrea Ruberto, il musicista cuneese che domenica si è visto ‘sottrarre’ il permesso da un residenti adirato per la sua esibizione in via Matteotti.

Faraldi non ci sta alle invettive dei penta stellati anche perché sottolinea “Io c’ero domenica e so perfettamente come sono andate le cose”. Il Consigliere è stato chiamato da alcuni presenti che avevano assistito all’episodio ed è arrivato pochi istanti dopo l’accaduto. “L’artista è stato tutelato dai cittadini e dalla Municipale – ha detto Faraldi – e posso confermare che si è trattato di un fatto di maleducazione di una sola persona. Gli agenti si sono comportati in modo perfetto e professionale mentre i presenti hanno incoraggiato l’artista ad andare avanti e, infatti, la sua esibizione è poi proseguita”.

Faraldi ha anche poi parlato del regolamento per gli artisti di strada, sul quale il M5S aveva puntato l’indice: “E’ stato fatto in modo che non ci fossero appigli e, infatti, dopo la discussione ed approvazione in Commissione, è stato approvato in toto dal Tar, tranne l’amplificazione delle basi. Anche l’artista di domenica poteva usare tranquillamente l’amplificazione alla voce ed agli strumenti e così ha fatto per tutto il giorno, come da lui dichiarato. L’unica amplificazione che non si può utilizzare è quella delle basi registrate ma, nell’ultima stagione estiva non ci sono state lamentele in merito”.

Faraldi sostiene l’idea dell’Amministrazione di favorire gli artisti di strada, che devono ovviamente essere regolamentati anche per tutelare residenti e commercianti: “E’ stato fatto in modo da andare incontro a tutte le esigenze – prosegue – e la scelta di far ‘spostare’ ogni tanto gli artisti è importante per evitare che gli stessi rimangano per troppo tempo in un unico punto. Anche il neo Assessore al Turismo, Alessandro Sindoni, lavorerà per incoraggiare l’arrivo e la presenza degli artisti di strada in città. Questi, se di qualità, possono risultare un’ottima attrattiva turistica da ‘passeggio’ ma il regolamento era ed è fondamentale per evitare discussioni”.

Per terminare Faraldi è tornato sull’episodio di domenica e sulla polemica scatenata dai pentastellati: “Come dicevo io c’ero ed ho visto tutto. La Municipale è intervenuta, ha recuperato il permesso sottratto ed ha consentito all’artista di continuare. Così ha fatto ed i presenti hanno dimostrato chiaramente il loro apprezzamento. Vogliamo incoraggiare gli artisti di strada a venire a Sanremo ma ritengo stucchevole la polemica dei 5 Stelle. La pratica potrà sempre essere affrontata nella commissione consiliare competente".

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium