/ Eventi

Eventi | 30 maggio 2019, 09:55

“Sarò sempre Franco” all’Ariston e alla Federazione Operaia: due serate per omaggiare l’arte di Franco D’Imporzano

Proclamato Cittadino Benemerito nel 2017, D’Imporzano ha lasciato una profonda traccia nella cultura locale, e la sua attività nel mondo dello spettacolo e dell’editoria sarà al centro delle celebrazioni intitolate “Sarò sempre Franco” ed articolate in due serate

“Sarò sempre Franco” all’Ariston e alla Federazione Operaia: due serate per omaggiare l’arte di Franco D’Imporzano

Sei associazioni culturali cittadine si sono unite nell’organizzazione di un primo momento di omaggio alla personalità artistica ed umana di Franco D’Imporzano, il poeta dialettale, commediografo, attore, giornalista, cantante e politico scomparso lo scorso 2 aprile all’età di 78 anni.

Proclamato Cittadino Benemerito nel 2017, D’Imporzano ha lasciato una profonda traccia nella cultura locale, e la sua attività nel mondo dello spettacolo e dell’editoria sarà al centro delle celebrazioni intitolate “Sarò sempre Franco” ed articolate in due serate cui hanno dato l’apporto effettivo la Compagnia Stabile Città di Sanremo, l’Accademia della Pigna, il Circolo Ligustico, la Famija Sanremasca, la Federazione Operaia Sanremese e il Centro Studi Musicali “Stan Kenton”, tutte realtà con cui Franco aveva avuto modo di collaborare nel tempo.

Il primo appuntamento è per sabato alle 18 nel salone della Federazione Operaia per un incontro incentrato sull’editoria e la musica: si presenterà il numero 35 della rivista “The Mellophonium” interamente dedicato a Franco, per voce del Direttore responsabile Romano Lupi, mentre l’editore Freddy Colt presenterà l’ultima uscita del bollettino bibliografico dell’Accademia della Pigna “Il Regesto”, anch’esso ricco di scritti in memoria dell’amico scomparso.

Sono annunciati gli interventi di Leone Pippione, presidente della Famija Sanremasca, dell’Accademico della Pigna architetto Elio Marchese, mentre gli attori Ninetto Silvano e Gianni Modena declameranno alcuni versi di Franco. La parte musicale è affidata al complessino dei “Nipoti d’Arte” composto da Adriano Ghirardo, Carlo Ormea, Freddy Colt, Massimo e Marzio Marossa, che per l’occasione si avvarrà della voce di Stefanio Capponi, ex partigiano e veterano del repertorio folk dialettale.

Il secondo appuntamento si terrà invece lunedì 3 giugno alle 21 al Cinema Ariston Roof, gentilmente concesso dalla famiglia Vacchino, con uno spettacolo multimediale ideato e coordinato dalla Compagnia Stabile Città di Sanremo sotto la direzione di Anna Blangetti, con la preziosa collaborazione del Fotoclub Riviera dei Fiori. Nello spettacolo attori e attrici della Stabile declameranno alcune poesie, mentre le immagini ripercorreranno la carriera di Franco D’Imporzano sul palcoscenico, sia in veste di attore che in quella di “canterino”. Verranno proiettate foto d’autore, ma anche documenti video che permetteranno di ritrovare l’artista e la sua caratteristica “verve” ripica del mondo del Varietà, da lui tanto amato. La serata si concluderà con la rappresentazione dell’atto unico “Cumplimenti Sciù Avucatu” ovviamente scritta dall’arguta penna di D’Imporzano.

In entrambe le occasione sarà in distribuzione gratuita la rivista “The Mellophonium” appositamente realizzata (che comprende tra l’altro scritti del docente universitario Fiorenzo Toso, di Alfredo Moreschi, Paola Silvano, Marco Scolesi e altre firme di rilievo). La cittadinanza è invitata a partecipare alle iniziative organizzate coralmente per tributare l’impegno culturale e sociale di un autentico protagonista della vita cittadina degli ultimi decenni.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium