/ Politica

Politica | 28 maggio 2013, 18:57

Elezioni Imperia: l'ex On. Chiappori all'attacco: "Scelte sbagliate, Sonia Viale e Mariano Porro non facciano più politica per il bene della Lega"

"Sarebbe stato interessante - ha detto Chiappori - se Mariano Porro si fosse candidato così avremmo visto quanto davvero conta tra la gente”.

Giacomo Chiappori

Giacomo Chiappori

Dopo il deludente risultato del carroccio ad Imperia, non poteva non arrivare il commento di uno dei padri fondatori della Lega Nord, il sindaco di Diano Marina Giacomo Chiappori. L'ex onorevole leghista, fedelissimo del "Senatur" Umberto Bossi, non le manda di certo a dire identificando come responsabili del pessimo risultato (1,96%) il segretario “nazionale” (della Liguria, ndr) Sonia Viale e il vice presidente della Provincia Mariano Porro, responsabile organizzativo delle elezioni ad Imperia.

"Credo che siamo arrivati alla resa dei conti – ha commentato Chiappori - credo che sia del tutto evidente che le scelte che sono state fatte sono sbagliate. La “base” aveva chiesto di andare da soli, aveva ragione. Avremmo superato sia la sinistra che il Movimento 5 Stelle. Ricordiamoci che in provincia di Imperia, la Lega, ha raggiunto il 19%. A queste elezioni non è stata premiata perché è stata fatta una scelta sbagliata, neanche all'inizi del movimento avevamo una percentuale del genere.

Aver lasciato che il segretario provinciale si dimettesse ha portato ad ottenere un risultato complessivo che è riuscita a prendere, da sola, Maria Teresa Parodi (candidata nella lista di Capacci,ndr) che era nella Lega sino all'altro giorno.

È arrivato il momento di dire - continua il sindaco di Diano Marina - che Mariano Porro e Sonia Viale non debbano più fare politica per il bene della Lega Nord, hanno accumulato scelte sbagliate, una dopo l'altra. Alla prima ho detto che le scelte sbagliate sono state fatte da tutti come, per esempio, alle elezioni politiche in cui anche noi abbiamo sbagliato parlando di Lombardia e non di Liguria.

Sono stati fatti degli errori enormi, è dunque il momento di dire basta, che passassero la mano prima che la situazione diventi irrecuperabile. Che lascino la mano ai leghisti che hanno scelto con il cuore e che avranno il compito di ricostruire il partito dalle macerie. 

Era arrivato il momento di fare scelte come si è fatto a Diano Marina. Hanno, invece, scelto nella maniera sbagliata. Ad Imperia c'è un sentimento di cambiamento ma non in Annoni, che considero un amico, spalleggiato da chi ad Imperia era destinato a perdere. Io dico che al ballottaggio le buscano ancora peggio. Sarebbe stato interessante se Mariano Porro si fosse candidato così avremmo visto quanto davvero conta tra la gente”. 

Gabriele Piccardo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium