/ Politica

Politica | 11 marzo 2012, 10:48

Imperia: inchiesta sul porto, la risposta di Giuseppe Zagarella alla lettera di Strescino

Il capogruppo del PD "Faccia le sue proposte e le valuteremo con grande attenzione. Se proposte serie, percorribili, accoglibili, non ne ha, prenda atto della situazione e vada a dimissioni con grande onestà intellettuale"

Giuseppe Zagarella

Giuseppe Zagarella

"La lettera del Sindaco dopo il terremoto del Porto di Imperia contiene due elementi di palese novità che non devono essere trascurati". Ad intervenire è Giuseppe Zagarella, Capogruppo PD in Consiglio Comunale a Imperia, che spiega: "Le due grandi novità sono, a mio avviso, innanzitutto un vero e proprio 'mea culpa', molto simile ad uno 'scusate, non avevo capito nulla e mi sono risvegliato in un incubo'.

La seconda è un SOS lanciato all'intero Consiglio Comunale per uscire dalle secche di una situazione di difficilissima gestione.

 

Quale risposta dovremmo dare a questa lettera? Non dimentico, certo, che le parole di oggi escono dalla bocca di quello stesso Sindaco che a ottobre 2010, dimentico del suo ruolo di primo cittadino, leggeva le sue 'liste di proscrizione' dal palchetto di una manifestazione in Calata Anselmi e ci additava come nemici della città da 'buttare a mare'. Chissà, forse oggi, col senno di poi, probabilmente preferirebbe non aver proprio partecipato a quella improvvida quanto insulsa manifestazione.

 

Ma non posso non tener conto di un fatto, ovvero che proprio l'apparente desiderio di fare il Sindaco e di smetterla di far il 'soldatino fedele' fa di quella lettera una vera bomba ad orologeria e risulta totalmente indigesta a un PDL che si è dimostrato in questi lunghi anni totalmente sordo al grido di allarme lanciato dalle opposizioni e profondamente ottuso ed inadeguato al grave compito di governare nell'interesse cittadino.

 

Una lettera di quel tenore, a due giorni dalla conferenza stampa col PDL che dichiarava la raggiunta ricompattazione delle forze di maggioranza, scritta in palese autonomia e all'insaputa del PDL, che come noi ha appreso dai giornali e che molto poco ne ha apprezzato i contenuti, presumibilmente nasce dal fatto che il Sindaco sa che i passi che dovrà fare sulla pesante partita portuale vedranno spaccata la sua maggioranza. La lettera del Sindaco è la confessione del fallimento di una intera linea politica che ha guidato la città negli ultimi 12 anni.

 

Il Sindaco sa che una parte del PDL, probabilmente quella che ha le maggiori responsabilità politiche delle scellerate scelte che han messo Caltagirone nelle condizioni di fare ciò che oggi gli viene contestato dalla Procura e dal GIP, quella che ancora oggi nelle trasmissioni televisive tenta di difendere l'indifendibile, non riuscirà mai a fare autocritica e smentire la linea portata avanti per anni dai vari Claudio Scajola o Luigi Sappa o Rodolfo Leone o Luca Lanteri, tutti ormai lontani dalla responsabilità di gestire il disastro da loro e dalle loro scelte acritiche provocato, e presumibilmente lui quella linea non vuole o non può più portare avanti.

 

Sa che quando si affronta un'avventura difficile occorre conoscere chi sono i compagni di viaggio e probabilmente sa che i suoi storici compagni di viaggio non sono o non saranno disposti a seguirlo, e sa anche che la partita portuale, tra le tante partite ahimé aperte in città e che vedono gli imperiesi tutti in enorme difficoltà è in assoluto la prioritaria, perché rischia di portare la città intera alla situazione di definitivo tracollo. Come sa che un commissario difficilmente avrà i poteri per traghettare la città fuori dalle secche.

 

Il gruppo PD in Consiglio Comunale ha dedicato anni di battaglie affinché l'interesse pubblico fosse il primo ed unico interesse da perseguire, lo ha fatto anche quando dire dei no significava essere additati dalla attuale e passata maggioranza come 'contrari allo sviluppo ed al futuro', lo ha fatto anche quando sapeva che certi temi di difficile comprensione per la loro complessità lo avrebbero penalizzato in campagna elettorale, lo ha fatto insieme a tutte le forze politiche cittadine di opposizione in maniera unitaria e convinta, e lo ha fatto perché leggendo le poche carte che gli veniva consentito di leggere aveva capito che rischiava di preannunciarsi una crisi economico sociale, con l'operazione porto, senza precedenti e di difficile sopportazione per una città che grazie ad una politica storicamente miope oggi è letteralmente in ginocchio.

 

Oggi il Sindaco si è risvegliato in un incubo e io non provo piacere, ma solo una grande amarezza per non essere stato minimamente ascoltato, ma il nostro primo ed unico obiettivo deve essere e per ciò che mi riguarda sarà sempre il bene della nostra città, a prescindere da casacche o colori politici.

 

In questo quadro ritengo che la cosa più giusta da fare sia ascoltarlo. Cercare di capire cosa ha in testa. Cercare di comprendere se la sua presa di posizione sia autentica e se vi siano, vedendo gli atti e leggendo le carte a cui non abbiamo ancora avuto accesso, possibili soluzioni da percorrere nell'esclusivo interesse cittadino. Si scordi il Sindaco da parte mia o nostra appoggi 'incondizionati' o acritici, sa bene che non ci appartiene quel metodo di lavoro.

 

Ma non sarò certo il PD a fare quello che Forza Italia ed il PDL han sempre fatto, ovvero portare avanti acriticamente e scioccamente posizioni finalizzate al puro interesse elettorale. Faccia le sue proposte, pubblicamente, in Consiglio Comunale, e le valuteremo con grande attenzione. Se proposte serie, percorribili, accoglibili, non ne ha, prenda atto della situazione e vada a dimissioni con grande onestà intellettuale.

 

Ma sappia che per ciò che mi riguarda tengo sempre a mente, indegnamente e nella piccola scala cittadina, il grande insegnamento di De Gasperi, che diceva 'il politico guarda alle prossime elezioni. lo statista alle prossime generazioni'.".

A. Gu.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium