/ Politica

Politica | 12 luglio 2011, 12:41

Scullino ritira le dimissioni, le reazioni a caldo, Foti (PSI): "Questa faccenda delle dimissioni è una presa in giro!"

"Io non scappo", ha detto il primo cittadino ventimigliese e stasera alle 20 consiglio comunale. Tito Giro: "Scullino si sta dimostrando quello che ha spaccato una giunta, un consiglio comunale e un partito".

Scullino ritira le dimissioni, le reazioni a caldo, Foti (PSI): "Questa faccenda delle dimissioni è una presa in giro!"

Qualcuno potrebbe dire "come volevasi dimostrare", altri lo potrebbero etichettare come un gesto di grandissima responsabilità ma da oggi dopo una 'pausa amministrativa' di circa diciotto giorni, Gaetano Scullino torna ad essere il sindaco di Ventimiglia e riprende in mano la macchina comunale. Si chiude oggi una parentesi difficile per l'amministrazione comunale della città di confine, anche se aleggia sempre lo spettro della commissione d'accesso che dovrà essere inviata dalla prefettura per accertare le paventate infiltrazioni mafiose.

Scullino, lo ha detto forte e chiaro: "non abbiamo nulla da nascondere, ben vengano i controlli, anzi, noi auspichiamo che arrivi la Commissione a vedere la bontà di quattro anni di amministrazione. Io sono qui. Non scappo, consapevole e convinto. Nessuno mi hai mai fatto pressioni, dato indicazioni o fornito suggerimenti su quello che c’è da fare". E stasera alle 20, consiglio comunale col ritorno di Scullino, in cui si provvederà alla surroga dei quattro consiglieri che hanno dato le dimissioni due settimane fa circa, nell'ultimo consiglio comunale.

A margine di questo 'ritorno in sella' del primo cittadino, abbiamo interpellato alcuni rappresentanti del mondo politico cittadino, i quali hanno commentato la scelta di ritirare le dimissioni da parte del sindaco. Marco Caudano segretario del PD: "Non abbiamo capito le motivazioni del gesto del sindaco, intanto la città per 15 giorni ha subito un vuoto amministrativo. Questa sera i due consiglieri del Partito Democratico non presenzieranno in consiglio comunale, pur essendo rimasto l'unico baluardo di resistenza a questa amministrazione". E aggiunge: "Il PD andrà per la propria strada ed è possibile che neanche in futuro i nostri consiglieri partecipino ai consigli, visto il cattivo modo di governare e la scarsa trasparenza, come ad esempio nell'affaire Civitas. Nel frattempo aspettiamo notizie sull'arrivo della commissione d'accesso..."

Giovanni Foti del PSI: "Questa faccenda delle dimissioni è una presa in giro, lo si sapeva fin dal 24 giugno che le avrebbe in seguito ritirate. Ha fatto un gioco da grande attore, in questo modo si è liberato dei consiglieri 'dissidenti', affinchè concludere la legislatura senza nemici". Sul consiglio comunale in programma per stasera, il consigliere socialista ha detto: "se stasera ci sarà numero legale e di questo non ho dubbi e se il presidente del consiglio mi darà la parola, io sarò presente all'assise". Per il candidato sindaco di SeL Roberto Cotta: "E' una Fort Alamo, non so ormai con quale serenità l'amministrazione possa fare la più minima attività amministrativa. Questa non è una bella manifestazione di coesione e responsabilità, sia in giunta che nel PDL, Ventimiglia ha bisogno di serenità". Prosegue l'esponente del partito di Vendola: "Da giorni si sapeva che i presupposti c'erano per rimanere, staremo a vedere come si concluderà questa faccenda; in ogni caso Scullino avrebbe fatto più bella figura a non dare le dimissioni o non ritirarle..."

Pietro Raschiotti di Ventimiglia Nuova ha detto: "Stasera sarò in consiglio ma prima voglio capire cosa succederà. La surroga è un atto legale e non politico e pertanto il consiglio comunale deve continuare ad esistere". Sulle dimissioni del sindaco ha affermato: "Sono rimasto perplesso da questo gesto politico ma ce lo aspettavamo, era netta l'impressione di un ritorno. Spero che stasera ci spieghi i motivi del ritiro delle dimissioni, date, soprattutto, all'insaputa di tutti i consiglieri comunali". Sul possibile arrivo della commissione d'inchiesta, il capogruppo di Ventimiglia Nuova ha detto: "se verrà la commissione dovrà essere fugato ogni tipo di dubbio in modo da sapere finalmente cosa c'è dietro".

L'ex assessore, epurato da Scullino, Tito Giro ora candidato sindaco della lista civica Ventimiglia Libera ha evidenziato: "Scullino si sta dimostrando quello che ha spaccato una giunta, un consiglio comunale e un partito. Ormai non gli resta che tirare a campare con le surroghe, è la fine di una legislatura che non ha portato frutti per Ventimiglia. Non sono stati realizzati parcheggi, nessun aiuto per l'occupazione giovanile e niente turismo; oggi si è scritta una pagina nera per la città, l'unico pensiero è quello di fare una politica delle poltrone".  

Andrea Di Blasio

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium