/ IL PUNTO DI CLAUDIO PORCHIA

IL PUNTO DI CLAUDIO PORCHIA | 11 luglio 2011, 12:00

Ancora poche ore e conosceremo il destino di Ventimiglia.

Può accadere di tutto nella città di confine, che nel bene e nel male è divisa in due e segue la vicenda con grande interesse, ma senza particolare entusiasmo. Tano è di fronte ad un dubbio tremendo: ascoltare chi gli chiede di ritirare le dimissioni o confermare quella decisione coraggiosa e improvvisa?

Ancora poche ore e conosceremo il destino di Ventimiglia.

Ancora poche ore e conosceremo il destino di Ventimiglia.

Gli scommettitori danno il segno 1 ( Scullino ritira le dimissioni ) come favorito, ma si dividono sulle conseguenze: arriva o non arriva la commissione. Il segno 2 (Scullino conferma le dimissioni) viene oggi data come improbabile mentre il segno X (arriva la commissione d’indagine e manda tutti a casa) come altamente improbabile.

Domani quindi, Tano, che si è dimesso per il bene della città, per la stessa ragione, cioè il bene della città, potrebbe ritirare le dimissioni. Per Ventimiglia è un deja vu, ricordate Valfrè?

Può accadere di tutto nella città di confine, che nel bene e nel male è divisa in due e segue la vicenda con grande interesse, ma senza particolare entusiasmo.

Tano è di fronte ad un dubbio tremendo: ascoltare chi gli chiede di ritirare le dimissioni o confermare quella decisione coraggiosa e improvvisa?

 

 

Un dubbio amletico: “Essere, o non essere Sindaco, ecco il problema”.

La battuta pronunciata dal principe Amleto all'inizio del monologo è una delle frasi più celebri della letteratura di tutti i tempi ed esprime perfettamente il dilemma esistenziale del ritirare le dimissioni (essere) o del confermarle (non essere).

 

In pratica Scullino dovrà decidere:

se sia più nobile nella mente soffrire
i colpi di fionda e i dardi dell’oltraggiosa fortuna
o prendere le armi contro un mare di affanni
e, contrastandoli, porre loro fine. Morire, dormire…
nient’altro, e con un sonno dire che poniamo fine
al dolore del cuore e ai mille tumulti naturali
di cui è erede la carne: è una conclusione
da desiderarsi devotamente. Morire, dormire.
Dormire, forse sognare. Sì, qui è l’ostacolo,
perché in quel sonno di morte quali sogni possano venire
dopo che ci siamo cavati di dosso questo groviglio mortale
deve farci esitare. È questo lo scrupolo
che dà alla sventura una vita così lunga.
Perché chi sopporterebbe le frustate e gli scherni del tempo,
il torto dell’oppressore, la contumelia dell’uomo superbo,
gli spasimi dell’amore disprezzato, il ritardo della legge,
l’insolenza delle cariche ufficiali, e il disprezzo
che il merito paziente riceve dagli indegni,
quando egli stesso potrebbe darsi quietanza
con un semplice stiletto? Chi porterebbe fardelli,
grugnendo e sudando sotto il peso di una vita faticosa,
se non fosse che il terrore di qualcosa dopo la morte,
il paese inesplorato dalla cui frontiera
nessun viaggiatore fa ritorno, sconcerta la volontà
e ci fa sopportare i mali che abbiamo
piuttosto che accorrere verso altri che ci sono ignoti?
Così la coscienza ci rende tutti codardi,
e così il colore naturale della risolutezza
è reso malsano dalla pallida cera del pensiero,
e imprese di grande altezza e momento
per questa ragione deviano dal loro corso
e perdono il nome di azione. “

Amleto atto terzo scena prima.

 

 

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium