/ 

Che tempo fa

Cerca nel web

| 07 dicembre 2010, 08:11

Salute e Benessere: prevenire l'emorragia cerebrale

Salute e Benessere: prevenire l'emorragia cerebrale

Mentre l’ictus ischemico causa un’interruzione del flusso ematico cerebrale, un ictus emorragico è causato quando vi è il sanguinamento nel tessuto cerebrale che uccide le cellule nervose.

Un’emorragia cerebrale può assumere forme diverse:

Emorragie intracerebrali. Questo è il sanguinamento all'interno del cervello: I sintomi e la prognosi di un sanguinamento intracerebrale variano secondo la dimensione e della posizione dell’ematoma.
Emorragie Subaracnoidee. Questo è il sanguinamento tra il cervello e le membrane che rivestono il cervello.
Emorragie Subdurali. Questo è il sanguinamento tra gli strati di rivestimento del cervello (le meningi).
Emorragie epidurali. Questo è il sanguinamento tra il cranio e la copertura del cervello.

Cause
Ci sono diverse cause di sanguinamento all'interno del cranio, tra cui:

Lesioni alla testa. Per le persone di età inferiore ai cinquanta anni, questa è la causa più comune di emorragia all'interno del cranio. Negli anziani, l’ematoma subdurale dopo una lesione alla testa relativamente minore, non è rara.
Malformazione arterovenosa (AVM). Si tratta di un'anomalia anatomica delle arterie o delle vene intorno al cervello. Una tale anomalia può essere presente fin dalla nascita, ma è rilevata solo se i sintomi si sviluppano. I sintomi derivanti da sanguinamento di un AVM variano, secondo le dimensioni e posizione.
Aneurisma. Si tratta di un indebolimento in una parete del vaso sanguigno che si gonfia. Le sottili pareti di un aneurisma possono scoppiare e causare sanguinamento nello spazio subaracnoideo e il cervello, portando a ictus emorragico.
Ipertensione. L’Ipertensione scarsamente controllata per un lungo periodo può indebolire le pareti dei vasi sanguigni e aumentare il rischio di emorragia intracranica.
Angiopatia amiloide. Si tratta di un'anomalia in pareti dei vasi sanguigni. Essa avviene con sempre maggiore frequenza con l'invecchiamento. Può causare numerose piccole emorragie asintomatiche prima di provocare un danno sintomatico.

Fumo, alcool e abitudini errate di vita possono concorrere attivamente, come in tutte le patologie a un avanzamento della stessa, o a una sua predisposizione.

Sintomi
I sintomi di sanguinamento all'interno del cranio si sviluppano in modo rapido e sono i seguenti:

* Un improvviso mal di testa
* Sintomi neurologici in costante aumento, come  debolezza, l'incapacità di muoversi (paralisi), torpore, perdita della parola o della vista e la confusione
* Nausea e vomito
* Perdita di coscienza

Diagnosi
Sulla base dei sintomi, i medici possono forte sospetto sanguinamento all'interno del cranio: In questo caso una TAC del cervello resta l’esame di punta. Se la TAC non conferma la diagnosi, una puntura lombare può confermare o escludere un’emorragia subaracnoidea. Una puntura lombare può rendersi necessaria anche per un’infezione del cervello o dei suoi strati esterni, se sospettata. RM / MRA, angiogramma TC e / o angiografia di contrasto possono essere necessari per completare la diagnosi e permettere ai medici di decidere il trattamento adeguato.

Trattamento

Il trattamento per l’emorragia intracranica varia, secondo l’anomalia di fondo che ha causato l'emorragia, la posizione del sanguinamento e la dimensione del coagulo di sangue.

Il team interdisciplinare al “Programma Stroke” comprende radiologia diagnostica, radiologia interventistica, neurochirurgia e la gestione neuromedicale.

La radiologia diagnostica prevede l'utilizzo di vari tipi di scansione per individuare con precisione la natura e la localizzazione dell'emorragia.

La radiologia interventistica prevede trattamenti che includono il superamento del coagulo con un catetere per allargare o per chiudere i vasi sanguigni nel cervello senza intervento chirurgico. Altri tipi di radiologia interventistica comportano l'uso di radiazioni mirate per correggere i vasi sanguigni anomali che hanno perso nel cervello.

 

Prognosi

La prognosi in caso di emorragia cerebrale dipende dalla vastità della lesione subita dal cervello, generalmente chi subisce la perdita di coscienza irreversibile ha molte più possibilità di morire a causa dell’evento rispetto a chi resta sveglio, tanto da potere affermare che la percentuale di decessi da emorragia cerebrale va dal 60 al 90% dei casi e dunque più pesante rispetto ad un’ischemia cerebrale ; ciò vale anche per il recupero dell’ammalato visto che i pazienti che sopravvivono ad un’emorragia cerebrale hanno di gran lunga minori possibilità di recupero rispetto a quelli colpiti da un’ischemia.

 

Un interessante video esplicativo:

http://www.youtube.com/watch?v=IQS-WtONHb4&feature=player_embedded

 

  info@sanremonews.it

Su facebook

 

Quelli che leggono salute e benessere su sanremonews

Iscrivetevi, vi aspetto!


 

Roberto Pioppo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium