/ Ventimiglia Vallecrosia...

Spazio Annunci della tua città

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Scooter elettrico a 4 ruote Monrach Royale, per disabili e anziani. Possibile avere anche con copertura per la pioggia ...

Che tempo fa

Cerca nel web

Ventimiglia Vallecrosia Bordighera | mercoledì 24 febbraio 2016, 14:50

Ventimiglia: il Groupe Approches presenta "Cloruro di Odio - Requiem per Aigues Mortes"

Basandosi sul libro “Aigues-Mortes, il massacro degli italiani” di Enzo Barnabà, “Cloruro di Iodio”, scritto e diretto da Jean-Pierre Jouglet, ricostruisce il clima di odio razziale

 

 

Venerdì 11 marzo alle ore 21, presso il Teatro Comunale di Ventimiglia, andrà in scena un’opera franco italiana ispirata ai fatti e al massacro di Aigues-Mortes. Cosa successe di preciso in quella località francese?

Aigues-Mortes, 17 agosto 1893. Una folla inferocita aggredisce gli operai italiani che lavorano nelle locali saline. Vengono uccisi dieci immigrati e ne vengono feriti un centinaio, tutti vittime innocenti della violenza xenofoba. Tra i feriti gravi, il ventimigliese Angelo Trucchi.

Basandosi sul libro “Aigues-Mortes, il massacro degli italiani” di Enzo Barnabà, “Cloruro di Iodio”, scritto e diretto da Jean-Pierre Jouglet, ricostruisce il clima di odio razziale che preparò e giustificò il massacro e propone una riflessione sulle inquietanti analogie col presente. La narrazione è affidata all’attore valdostano Pierre Lucat. La colonna sonora, eseguita dal vivo dalla rock band torinese dei Supershock, assume un ruolo rilevante, accentuando e valorizzando il pathos delle azioni narrate dal testo. L’interazione tra questi due elementi è la trave portante di questo moderno Requiem.

Un’opera franco italiana che vuole essere una vera e propria celebrazione laica che riesuma questa storia dalla sabbia del tempo e civilmente riconcilia la memoria storica dei due Paesi. Per informazioni e prenotazioni 0184/6183233

 

 


















Files:
 man coop cloruro di odio (1.3 MB)

Stefania Orengo

Ti potrebbero interessare anche: