/ Ventimiglia Vallecrosia...

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Ventimiglia Vallecrosia Bordighera | giovedì 11 febbraio 2016, 18:03

Ventimiglia: 30enne pakistano si finge profugo al Centro di Accoglienza, aveva commesso una violenta aggressione sessuale in Germania

Lo straniero era ricercato da tempo.

Si spacciava come profugo a Ventimiglia ma in realtà era un pericoloso criminale in fuga. La scoperta è stata fatta grazie alla solerzia dimostrata dagli agenti del Commissariato di Polizia. nei giorni scorsi un giovane cittadino pakistano. M. Faizan si presentava, sprovvisto di qualsiasi documento, all’ingresso del Centro di accoglienza della Croce Rossa, a Ventimiglia, chiedendo di potervi accedere e dichiarando di voler domandare protezione internazionale in Italia. Il dirigente del Commissariato di Polizia, presente sul posto, ne disponeva l’accompagnamento immediato presso il Commissariato P.S. per l’esecuzione di accertamenti specifici sulla sua identità. 

In ufficio lo straniero era sottoposto ai rilievi foto-segnaletici e ad ulteriori verifiche di Polizia. I riscontri dagli agenti del Commissariato erano particolarmente approfonditi ed attenti, in puntuale applicazione delle speciali disposizioni antiterrorismo impartite dal Questore di Imperia, mirate soprattutto ai fini preventivi e attuate anche nei controlli ordinari di Polizia. Di fatti l’uomo risultava ricercato in tutta Europa. A suo carico emergeva un mandato di cattura europeo emesso, tuttavia, sotto un nome diverso e con una data di nascita modificata rispetto ai dati anagrafici forniti alla Polizia di Ventimiglia.

Il trentenne pakistano, ostentando un’inusuale tranquillità, aveva indicato alla Polizia italiana un’identità completamente diversa, sperando così di farla franca. Ma la comparazione delle impronte assunte in Italia e in Germania forniva una risposta certa, si trattava indubitabilmente della stessa persona. Il presunto profugo era destinatario di un ordine di arresto europeo, per estradizione richiesta dalla Germania, dove, nel dicembre scorso, prima delle festività natalizie, era stato individuato come responsabile di una violenta aggressione sessuale aggravata commessa dal giovane uomo nella città tedesca di Francoforte sul Meno, una delle più grandi ed importanti della Germania.

Gli agenti del Commissariato di Polizia arrestavano il pakistano che risultava ricercato da alcuni mesi per essere estradato in Germania dove verrà processato per il gravissimo reato di cui è stato accusato dalla Polizia Federale. F.M non opponeva resistenza all’arresto e otteneva, come previsto dalla Legge, la nomina di un avvocato d’ufficio. In serata l’uomo era condotto nella Casa Circondariale di Sanremo dove resterà a disposizione dei magistrati genovesi, competenti nei casi di estradizione internazionale. 

La Polizia di Stato, dopo gli attentati terroristici di Parigi, ha ulteriormente elevato tutti i parametri relativi ai controlli di sicurezza e di vigilanza, in particolare, alle attività di identificazione e di foto segnalamento degli stranieri che raggiungono la città di confine e di quelli ospitati presso il Centro di accoglienza della Croce Rossa di Ventimiglia. L’emergenza migranti, che seppur in misura minore rispetto al recente passato continua ad interessare la zona frontaliera di Ventimiglia, inserita nello scenario di crisi internazionale legato alla minaccia del terrorismo di matrice islamica, ha determinato un’azione, se possibile, ancor più rigorosa di tutte le attività di Polizia preventiva, decisamente intensificate all’interno della stazione ferroviaria internazionale e del centro di accoglienza. 

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche: