/ SOLIDARIETÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

SOLIDARIETÀ | sabato 06 febbraio 2016, 15:05

Il 28 gennaio, serata conviviale del Lions Club Host Sanremo sulla storia dell'automobile

A relazionale un socio del Club, l'ing. Sergio Sereni

Il Lions Club Host Sanremo ha organizzato giovedì 28 gennaio scorso una serata conviviale in cui il nostro socio ing. Sergio Sereni ha tenuto una relazione sulla storia dell’automobile.

Un racconto ricco di immagini, frutto di una accurata ricerca, e suddiviso in due sezioni: la prima sviluppata attraverso una successione di fotografie e testi esplicativi ci hanno guidato fino agli anni ‘30 con documenti, curiosità ed aneddoti per illustrare il primo veicolo a motore a tre ruote brevettato da BENZ (1886), quello a quattro ruote DAIMLER (1888) ed i loro modelli successivi, ma anche il brevetto del primo motore a scoppio del prof. Enrico Bernardi 1882 e le immagini di alcune prime auto dei costruttori francesi (dal 1891) ed italiani fino al 1916 e tra le curiosità:

- la prima automobile Daimler denominata MERCEDES (1901) e il perché del nome
- la prima auto immatricolata in Italia (1903), una Peugeot acquistata dal sig. Rossi in Veneto
- la Rolls-Royce con cui mr Hanbury (anni ‘20) veniva da Londra alla sua abitazione sulla nostra Riviera
- la Isotta Fraschini (anni ‘20) che ci diede fama nel mondo,anche nel cinema hollywoodiano.

E tra gli aneddoti, come nasce il logo Citroen, come e perché Alfa diventa Alfa Romeo, come e da dove nascono Ferrari e Maserati, ed altri ancora.

Dall’apparizione dei primi veicoli azionati da motori endotermici e dallo sviluppo della produzione artigianale dei vari costruttori via via affiancatisi ai pionieri,alcuni dei quali divenuti poi produttori mondiali (PEUGEOT, RENAULT, FIAT) ci si è soffermati poi su coloro che hanno lasciato un segno innovatore, Vincenzo Lancia con la prima scocca autoportante (LAMBDA 1923), Andree Citroen con la Traction Avant 1934 e infine Henry Ford che nel 1913 rivoluzionerà la storia della produzione automobilistica con l’introduzione della catena di montaggio.

Dopo una carrellata di immagini su diversi modelli fino agli anni ’30, la relazione è diventata più tecnica affrontando l’evoluzione dei metodi produttivi e dei nuovi principi ispiratori sviluppati con il Toyotismo, la ricerca della Qualità Totale, il conseguimento del WCM, e la trasformazione delle fabbriche a causa dell’introduzione dei Robot.

Alcuni filmati ci hanno mostrato il cambiamento epocale (dalla Fiat degli inizi 1899, al Lingotto 1923, a Mirafiori) fino agli anni ’80, e a conclusione abbiamo visto la fabbricazione di oggi con il filmato Fiat relativo alle produzione Panda a Pomigliano  2014.

Giorgio Cravaschino,
addetto stampa del Club Lion Sanremo Host

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore