/ Sanremo Ospedaletti

Che tempo fa

Cerca nel web

Sanremo Ospedaletti | venerdì 12 febbraio 2016, 19:55

Sanremo: esprimere le proprie idee non è di moda. Questa la impopolare storia di Marcos il rapper, ed Elton John

Ma quante delle persone che si dichiarano a favore delle unioni gay, lo sono realmente? E quanti hanno bisogno di seguire il gregge, per non trovarsi proprio nella situazione di Marcos?

Esprimere la propria idea oggi sembra essere diventato un grande problema. Quando tempo fa facebook diede la possibilità ai suoi utenti di colorare il profilo con l'arcobaleno, in segno gay friendly, per chi decise di rimanere fuori dal coro, si scatenò una sorta di caccia alle streghe.

Pare proprio che chi cerca di evitare le persecuzioni, nel nostro Paese, sia il primo che poi ne inizi delle nuove.

Per quanto il rispetto e la civiltà dovrebbero essere componenti proprie di tutti, le idee altrui dovrebbero ancora avere la possibilità di essere rispettate. L'articolo 21 della Costituzione italiana cita testualmente: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”.

In una recente intervista a Radio Show Italia, (LINK AL VIDEO) andata in onda il 9 febbraio fuori dall' Ariston di Sanremo, il conduttore della trasmissione, ha chiesto ad un ragazzo quale fosse il suo punto di vista sulle unioni gay e le relative adozioni, in occasione dell'ospitata di Elton Jhon e del compagno, sul palco.

Non ho niente contro nessuno, siamo tutti uguali fino a quando non si viola la libertà di un'altra persona, per questo sono contrario all'adozione nelle coppie gay. Un bambino ha diritto a un padre e una madre. Se poi Elton John voglia baciare il compagno in diretta, è libero di farlo, io non guardo in quanto non condivido”.

Marcos, il ragazzo in questione, è stato preso di mira da centinaia di messaggi negativi, di insulti e di giudizi che vanno ben oltre il contesto. L'opinione di Marcos può piacere o non piacere, l'offesa può essere vista o meno, a seconda della sensibilità di chi ascolta. Ma quante delle persone che si dichiarano a favore delle unioni gay, lo sono realmente? E quanti hanno bisogno di seguire il gregge, per non trovarsi proprio nella situazione di Marcos?



r.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore