/ INFERMIERE E SALUTE

Che tempo fa

Cerca nel web

INFERMIERE E SALUTE | 14 febbraio 2012, 06:00

Sindrome da stanchezza cronica

Sindrome da stanchezza cronica

Panoramica:

    La Sindrome da Stanchezza Cronica è una condizione caratterizzata da affaticamento costante.
    E 'nota anche come Encefalo mielite Mialgica (ME)
    La causa è sconosciuta, anche se ci sono molte teorie, comprese le reazioni ad una  infezione virale
    Circa il due per cento della popolazione ne  soffre.
    Le donne sono più a rischio degli uomini
    Non esiste un trattamento specifico, ma esercizio e terapia cognitiva comportamentale hanno dimostrato  essere efficaci
    È importante avere essere seguiti costantemente da un medico e non sottovalutare mai la malattia.

Che cos'è?

La Sindrome da Stanchezza Cronica è una condizione debilitante caratterizzata da grave affaticamento e sintomi correlati  che non possono essere spiegati da una condizione medica di base.

E 'nota anche come "Sindrome da Fatica Cronica e Disfunzione Immune" (CFIDS) e "Encefalo mielite mialgica" (ME).


La causa della CFS non è nota, ma la  teoria più avvalorata è una reazione ad un virus. Il virus Epstein Barr (febbre ghiandolare) e la malattia di Lyme, in particolare, è stato collegato alla CFS. Tuttavia, non esistono prove convincenti che la maggior parte dei casi di CFS siano causati da un'infezione.

Altre teorie suggeriscono che la fatica cronica sia legata al superlavoro, stress, problemi con il sistema immunitario, la pressione sanguigna bassa, squilibrio ormonale o tossine ambientali. In alcuni casi può manifestarsi dopo  un grave lutto od un evento stressogeno.

Diversi studi hanno dimostrato che i pazienti CFS hanno maggiori probabilità di soffrire di allergie. Tuttavia, non tutti i pazienti con CFS hanno un'allergia.

La maggioranza dei pazienti si lamentano di sintomi che potrebbero essere correlati al sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale).

La malattia non è una immaginaria o il risultato di ansia. Negli ultimi dieci anni, la scienza medica ha scoperto alcune anomalie biologiche si verificano più spesso nei pazienti con CFS.

La CFS colpisce tutti i gruppi razziali ma le donne sono più a rischio di CFS.

I bambini con la sindrome sono più propensi ad  ottenere  un pieno recupero. Uno studio di sorveglianza ha trovato che il 31 per cento dei pazienti adulti hanno recuperato entro i primi cinque anni della malattia, e il 48 per cento aveva recuperato entro 10 anni. Tuttavia, alcuni di questi pazienti manifestavano ancora alcuni sintomi.
Quali sono i sintomi?

I sintomi principali sono stanchezza inspiegabile, che non è il risultato di esercizio, e problemi con funzionamento intellettuale,  a breve termine, con perdita di memoria o mancanza di concentrazione.

La fatica deve essere presente tutto il tempo per essere definito come CFS, e deve essere  così debilitante che una persona non possa  più mantenere i livelli precedenti nel lavoro e nella  vita sociale.

Altri sintomi fisici possono includere mal di gola, ingrossamento dei linfonodi, dolori muscolari e dolori articolari senza gonfiore, mal di testa, sonno senza riposo .

Altre condizioni mediche come l'ipotiroidismo e l'anemia deve essere escluse prima di una diagnosi di CFS. Pertanto, sono necessari  alcuni esami del sangue e delle urine per escludere altre condizioni.

Non è noto se il lento miglioramento sia legato ad un miglioramento nella malattia stessa o relativo alla crescente capacità del paziente di affrontare  la sindrome.


C'è una differenza tra i criteri americani e britannici per sindrome da stanchezza cronica. I criteri britannici richiedono la presenza di affaticamento mentale, mentre i criteri americani richiedono la presenza di un certo numero di sintomi fisici.

Alcuni pazienti riportano anche problemi di nausea, sindrome del colon irritabile, gonfiore addominale, tosse cronica, diarrea, secchezza degli occhi, battito cardiaco irregolare, dolore toracico, dolore alla mascella, sudorazioni notturne, l'intolleranza ad alcol e droga, vertigini, sensazioni di formicolio e mancanza di appetito.

La definizione di CFS, che trova concordi varie istituzioni è descritta  come: la stanchezza debilitante che dura per almeno sei mesi, ha un esordio improvviso, non è migliorata con il riposo, ed è associata ad almeno quattro dei seguenti sintomi:

    Mal di gola
    Ingrossamento dei linfonodi
    Il dolore alle articolazioni
    Dolore muscolare
    Mal di testa
    Sonno non ristoratore
    Disagio e spossatezza dopo l'esercizio e lo sforzo

Le seguenti condizioni tendono ad escludere una diagnosi di CFS:

    Condizioni mediche che possono spiegare la presenza di stanchezza e affaticamento, come apnea notturna, la narcolessia, l'ipotiroidismo, e gli effetti avversi ad alcuni farmaci.
    Il lento recupero da una condizione medica che può produrre l'affaticamento come il cancro, o epatite B o C.
    Malattia  mentale come la depressione maggiore, il  disturbo bipolare (psicosi maniaco-depressiva), schizofrenia, o anoressia nervosa o di bulimia.
    Obesità grave, con un BMI superiore a 45.
    L'abuso di alcol o sostanze in qualsiasi momento negli ultimi due anni.

Che cosa si può fare per aiutare?

Non esiste un trattamento specifico per la CFS come non c'è cura conosciuta. Tuttavia, si possono alleviare i sintomi in maniera importante (sotto consiglio e controllo medico):


I farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) sono utili per il trattamento di dolori muscolari, dolori articolari e mal di testa. Tuttavia, essi dovrebbero essere usati con cautela a lungo termine a causa del loro potenziale di causare danni ai reni e allo stomaco.

Ad alcuni pazienti vengono prescritti farmaci anti ipotensivi se hanno la pressione bassa in posizione eretta.

Altri che soffrono di allergie possono beneficiare di antistaminici .


Le persone affette da CFS dovrebbe cercare di evitare lo stress, seguire una routine regolare e rimanere il più attivi possibile. L'esercizio fisico regolare è stato trovato utile.

Una rassegna sul British Medical Journal ha preso in esame le prove per i seguenti trattamenti e valutato di conseguenza:
Benefici:

    Esercizio
    Terapia cognitivo - comportamentale

Efficacia Sconosciuta:

    corticosteroidi
    Antidepressivi
    Gli integratori alimentari
    Oral nicotinammide adenina dinucleotide (NADH)

Improbabile che siano di beneficio:

    Immunoterapia

Probabilità di essere inefficaci o dannosi:

    Prolungato riposo

 

MT Murray e Pizzorno JE. Enciclopedia della medicina naturale 2nd ed. Gran Bretagna: Little, Brown, 1998:359, 360, 367

Tomas L. Sindrome da stanchezza cronica. Comp J Med 2005; 4 (3) :12-22

Carruthers BM et al. Encefalomielite mialgica / sindrome da stanchezza cronica: definizione di caso clinico di lavoro, protocolli diagnostici e di trattamento. J Chron Fatig Synd 2003; 11 (1) :11-13, 26

info@sanremonews.it

su facebook:

QUELLI CHE LEGGONO SALUTE E BENESSERE SU SANREMONEWS

 

Disclaimer:

tutti gli articoli da me redatti, basano il loro contenuto su studi certificati, sull’evidence based nursing e su articoli dei più importanti journal mondiali. Non c’è un’interpretazione personale, e non ci si vuole assolutamente sostituire alla diagnosi medica: essa è unica ed imprescindibile, così come  l’ approccio terapeutico.

Roberto Pioppo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium