/ SALUTE E BENESSERE

Che tempo fa

Cerca nel web

SALUTE E BENESSERE | martedì 23 novembre 2010, 06:31

Parliamo di un argomento pungente: una iniezione intramuscolare.

Condividi |  

Iniezione

Ammesso e non concesso che può essere eseguita SOLO da personale autorizzato e preparato (infermieri e medici), la mia non vuole essere un’istigazione a delinquere, ne un bignami sulla pratica intramuscolare, ma se proprio volete farlo, fatelo con saggezza e se non lo sapete fare NON LO FATE!!!!!

E allora, se il fenomeno non è ovviamente contenibile(in Italia ognuno si improvvisa infermiere, tanto cosa ci vuole?? Una laurea che alla fine non riflette l’impegnativo piano di studi con un riscontro economico e d’immagine che dovrebbe: fare una puntura?, una sciocchezza, le faceva pure il mio vicino dopo che aveva girato il letame ai conigli –esempio piuttosto colorito-….),

dato che nella vita bisogna ridere (anche se poi il video è la realtà) cliccate sul filmato sotto:

http://www.youtube.com/watch?v=A75xj9uN5lo

 

Dopo aver riso, torniamo ad essere seri e cerchiamo almeno di NON fare danni.

 

Una iniezione intramuscolare è una iniezione effettuata direttamente nella zona centrale di un muscolo specifico: In questo modo, i vasi sanguigni che irrorano quel muscolo distribuiranno il farmaco iniettato attraverso il sistema cardiovascolare (nota bene, quindi anche al cuore).

Scopo
L'iniezione intramuscolare è utilizzata per la somministrazione  di alcuni farmaci non raccomandati per altre vie di somministrazione, ad esempio per via endovenosa, orale o sottocutanea. La via intramuscolare offre un tasso di assorbimento più rapido rispetto alla via sottocutanea. Al contrario, il farmaco iniettato nel tessuto muscolare viene assorbito più lentamente rispetto al farmaco che viene iniettato per via endovenosa.
Precauzioni
Una particolare attenzione nel decidere quale sito  è da utilizzare per il farmaco prescritto è essenziale. La via intramuscolare non deve essere utilizzata nei casi in cui la massa muscolare e la condizione fisica  non sia sufficiente a sostenere l'assorbimento del farmaco. L'iniezione intramuscolare deve essere evitata se le altre vie di somministrazione, soprattutto per via orale, può essere utilizzata per fornire un livello comparabile di assorbimento e di effetto.
Descrizione
Le iniezioni intramuscolari (IM) vengono effettuate direttamente nella zona centrale di muscoli selezionati. Ci sono un certo numero di punti sul corpo umano che sono adatti per le iniezioni IM, tuttavia, ci sono tre siti che sono più comunemente utilizzati in questa procedura.

Muscolo deltoide
Il muscolo deltoide situato lateralmente sulla parte superiore del braccio può essere usato per iniezioni intramuscolari. Originata dal processo dell’ Acromion della scapola e l'inserimento di circa un terzo verso il basso l'omero, il muscolo deltoide può essere utilizzato facilmente per le iniezioni IM se vi è la massa muscolare sufficiente a giustificare l'uso di questo sito. La vicinanza del deltoide al nervo radiale e all’arteria radiale significa

che bisogna fare un attento esame della zona:

C’è sufficiente muscolo? Ci sono cicatrici? Il paziente collabora? Siamo sicuri di essere distanti da sedi nervose o vascolari?.
Vasto laterale del muscolo della gamba
Il muscolo vasto laterale forma parte del gruppo muscolare del quadricipite della gamba superiore  può essere trovato  anterolateralmente rispetto della coscia. Questo muscolo è più comunemente usato come sede per le iniezioni IM perché lo strato di muscolo è relativamente spesso  e ben formato in individui di tutte le età (anche pazienti magri)  e non è situato vicino a arterie o nervi. E 'anche facilmente accessibile. Il terzo medio del muscolo è utilizzato per definire il sito di iniezione. Questo terzo può essere determinato visivamente dividendo la lunghezza del muscolo che si origina sul grande trocantere del femore e si inserisce sul bordo superiore della rotula e tuberosità tibiale attraverso il legamento della rotula in tre parti (quanti hanno capito e son sicuri del punto?). La palpazione della parte è importante per i motivi già enunciati o se il paziente lamentasse del dolore in quella zona: allora FERMI..se non vi trovate in caso di estrema urgenza chiedete aiuto ai più esperti.

Muscolo gluteo medius
Il muscolo medio gluteo, che è anche conosciuto come il sito ventrogluteale, è il terzo sito comunemente usato per le iniezioni IM. L’area corretta (anche se oggi studi recenti hanno posto dei dubbi) è relativamente  semplice da trovare:

si divide il gluteo in quattro parti (come una bistecca) voi vi troverete frontali ad essa la parte superiore dei quattro spicchi, quella esterna (detta infatti superiore esterna)  è la sede più appropriata.


Preparazione


• Per prima cosa, assicurarsi di avere posizionato il paziente in una posizione che è comoda e pratica per l'accesso al sito di iniezione che hai scelto.

LAVARSI BENE LE MANI ED INDOSSARE I GUANTI :condizioni di asepsi (Asepsi è un termine che deriva dal greco (α - privativa e σεψις - putrefazione) ed indica una serie di procedure atte a prevenire l'accesso di microrganismi, patogeni e non, ad un substrato sterile di natura o sterilizzato artificialmente. – fonte wikipedia)


• Individuare l'area giusta per l'iniezione e disinfettare con prodotto per iniezioni (no alcool denaturato.. quello rosa per intenderci… non uccide i germi come per anni abbiamo creduto)

• Preparare la siringa togliendo il cappuccio dell'ago, invertendo la siringa, ed espellendo l'aria in eccesso.

• Quando si è pronti per iniettare, diffondere la pelle con le dita della mano non dominante. Tenendo la siringa con il pollice e l'indice della mano dominante, forare la pelle e forare il muscolo. Questo processo dovrebbe essere fatto velocemente con un sufficiente controllo in modo da diminuire il disagio del paziente. Se vi è poca massa muscolare, soprattutto nei bambini o anziani, quindi potrebbe essere necessario stringere il muscolo per fornire maggior volume di tessuto in cui iniettare. (prendere la pelle tra pollice ed indice “er pizzico di Verdone”)
• Aspirare il sito di iniezione (mentre la siringa e l'ago sono all'interno del muscolo) tenendo premuto il cilindro della siringa con la mano non dominante e tirando indietro lo stantuffo della siringa con la mano dominante. Se il sangue compare  nella siringa, è una indicazione che un vaso sanguigno può essere stato forato. L'ago e la siringa deve essere immediatamente ritirato e preparata una nuova iniezione: non procedere con la stessa, non riutilizzare. Se non il sangue viene aspirato, continuare lentamente iniettando il farmaco a velocità costante .
• Ritirare l'ago e la siringa in fretta per ridurre al minimo il disagio. Il sito può essere massaggiato brevemente, a seconda del farmaco somministrato.

• Eliminare la siringa e l'ago utilizzato intatto il più presto possibile in un recipiente di raccolta idoneo.
• Controllare il sito almeno una volta di più poco tempo dopo l'iniezione per assicurare che nessun sanguinamento, gonfiore o altri segni di reazione al farmaco sono presenti. Monitorare il paziente per altri segni di effetti collaterali, soprattutto se è la prima volta che il paziente riceve il farmaco.
• Documentare tutte le iniezioni e qualsiasi altra informazione pertinente.


Queste sono diciamo così a grandi linee quelle preparazione quelle attenzioni che dovremmo fornire a colui che ci chiede di fare una intramuscolo. Ora però, senza spaventarvi vorrei porvi davanti a tutte le problematiche che, potreste o sareste potuti andare incontro se le cose non fossero andate poi tanto bene:

 

 -L’iniezione può essere effettuata solo da personale medico (infermiere, medico o persone abilitate dal ministero della salute), per cui se cagionate un danno ne rispondete direttamente per abuso della professione con soldi vostri

-Siete sicuri che il soggetto non sia allergico?

 

-Siete sicuri che il posto sia giusto?

-Avete utilizzato l’ago e la siringa giusta?

 

           - Ed il sito di puntura è disinfettato? E’ quello giusto?

-  E il diluente è per endovena o per intramuscolo?

-Quel farmaco con quale ago va iniettato?

-Nel braccio? Nel sedere? Sottocute? Va massaggiato oppure tamponato?

-La dose è giusta?

- E se l’avete diluito male?

- E se era fuori frigo invece andava in frigo?

- E se è un vaccino: Dove si fa?

           - L’ora è giusta oppure è quella che ci fa più comodo?

- L’ago lo cambio oppure lascio lo stesso dopo aver diluito il farmaco?

- Che differenza c’è tra un farmaco in fiale ed uno in polvere?

- E tra acqua per preparazioni iniettabili e cloruro di sodio?

-  E se ci fosse anche della Lidocaina? Cos’è? E perché c’è?

- Devo farla a mia figlio ed a mia moglie.. che differenza c’è?

 

Questi sono alcuni devi dubbi che VI DEVONO VENIRE prima di praticare una “banale” iniezione.

Ognuno di noi per risparmiare qualche euro in tempi di crisi cerca di arrangiarsi (io per primo): possiamo provare a sostituire un tubo rotto, mal che vada faremo ancora più danno con contentezza degli idraulici (salve amici, nulla di personale). Volete cambiare il filtro alla moto? La cerniera ai pantaloni.. mal che vada la moto non parte, i pantaloni rimarranno senza cerniera……Ma se sbagliate farmaco potete arrecare gravissimi danni alla salute di qualcun altro, cagionarne la morte: sapete almeno fare una rianimazione cardio polmonare?: se anche solo l’1% ha risposto no….pensateci se vi chiedono la somministrazione di un farmaco: non siamo motori, siamo esseri umani. E se uno muore, non torna più indietro

 

                                                                                              Roberto Pioppo

Bibliografia:


- Tiziana Sola, Estratto della tesi di
Laurea in Infermieristica a.a. 2004-05
“Iniezione intramuscolare e
sottocutanea: i risultati di un’indagine
multicentrica su prove di efficacia e
pratica assistenziale” Nursing Oggi,
numero 3, 2005.
- A. Apostoli et Al., “L’iniezione
intramuscolare: una procedura da
riscrivere?”, Nursing Oggi, numero 1,
2001.
- C. Sironi et Al. Tecniche
infermieristiche, Masson, Milano, 2001.
- R.F. Craven, C.J. Hirnle, Principi
fondamentali dell’assistenza
infermieristica, Casa Editrice
Ambrosiana, Milano, 2004.

Per commenti:  info@sanremonews.it 

iscrivetevi, iscrivetevi, iscrivetevi a:

quelli che leggono salute e benessere su sanremonews  più siamo meglio stiamo
http://www.facebook.com/home.php?sk=group_163237767032289&ap=1

 

Roberto Pioppo

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore