/ INFERMIERE E SALUTE

INFERMIERE E SALUTE | 25 settembre 2012, 06:10

Parliamo di dermatite da contatto, un malessere a larga scala

Parliamo di dermatite da contatto, un malessere a larga scala

Il contatto con oggetti di uso quotidiano - dallo shampoo e gioielli al cibo e acqua - causa questo tipo molto comune di eczema. Quando il contatto porta alla pelle irritata, l'eczema è chiamato dermatite da contatto irritante. Se si sviluppa una reazione allergica sulla pelle dopo l'esposizione, l'eczema è chiamato dermatite allergica da contatto.

 

Segni e sintomi

Dermatite allergica da contatto:  di solito si sviluppa poche ore dopo che  l'allergene (sostanza a cui la persona è allergica), viene a contatto con la pelle:

 

-Prurito, pelle gonfia e rossa o estrema secchezza

 

-Bolle (reazione più grave) che  possono  rompersi, lasciando croste e squame

 

- Pelle con desquamazioni e solchi

 

Con l’esposizione a lungo termine ad un allergene, la pelle diventa spessa, rossa e squamosa. Nel corso del tempo, la pelle può scurire e diventare  simile al cuoio.

 

La Dermatite da contatto irritante si verifica dopo esposizione frequente ad un lieve irritante, ad esempio un detergente, e dopo una breve esposizione ad un forte irritante. Segni e sintomi di dermatite da contatto irritante includono:

 

*Lieve irritazione - Inizia con la pelle secca e screpolata. Con l'esposizione ripetuta, macchie, prurito, rossore, squame, con  pelle che tende a  gonfiare. La pelle può bruciare o pungere al contatto. Se l'esposizione continua, la pelle tende a rompersi, e diventare eccessivamente secca . 

 

*Forte irritazione - In contatto, la pelle può bruciare, pungere  e / o prudere. Arrossamento, gonfiore, formazione di vesciche sono sintomi comuni. Più tardi si possono formare solchi.

 

Una volta che le dermatiti irritative da contatto si sviluppano, l'esposizione a sostanze poco importanti, come shampoo per bambini e persino l'acqua, può irritare la pelle e rendere la condizione peggiore.

 

Chi ne soffre?

 

Chiunque può sviluppare dermatiti irritative da contatto con l'esposizione a qualcosa che danneggi la pelle e provochi irritazione.

 

Cause

Dermatite allergica da contatto. Più di 3.000 allergeni (sostanza a cui la persona è allergica) sono noti per causare dermatite allergica da contatto. Allergeni più comuni includono:

 

Pomata antibiotica. Gli ingredienti in unguenti topici con antibiotici spesso provocano una reazione allergica cutanea.

 

Abbigliamento e scarpe. Il cuoio, colla, o gomma  possono causare dermatite allergica da contatto come coloranti e ritardanti di fiamma utilizzati in abbigliamento.

 Cause lavorative. Spesso la causa della  dermatite cronica della mano, è data da un allergene contenuto in sostanze ad uso professionale: calcestruzzi,vernici, disinfettanti e saponi ad uso ospedaliero.

 

Profumi. profumi, trucco, oltre a prodotti per la cura della pelle e dei capelli i quali  comunemente causano  una reazione allergica. Anche i prodotti etichettati "inodore" possono innescarla, perché inodore non significa che il prodotto non contenga profumo, significa che il profumo viene mascherato. 

 

Metalli. I metalli si trovano in oggetti di uso quotidiano che si toccano e si mangiano. Nickel, uno dei metalli più comuni che causano una reazione allergica, si trova in gioielli e molti alimenti, tra cui i pomodori, cioccolato, noci e soia. Mercurio,oro, cobalto, e cromo (usato per il pellame) sono altri metalli che spesso causano dermatite allergica da contatto.

 

Piante: molte piante che abbiano in casa sono fonti importanti

 

Gomma. ubiquitaria, dai tappetini per mouse, alle attrezzature da palestra, questi allergeni possono essere difficili da individuare.

 

A volte, la dermatite allergica da contatto non si manifesta fino a quando non viene attivata. La luce Ultravioletta (UV) e il sudore possono scatenarla.

 

La sudorazione. Può innescare una dermatite . Per esempio, alcune persone che sviluppano una allergia al nichel può non manifestarsi finché il nichel non incontra il sudore.

 

Quando una sostanza danneggia la pelle più velocemente di quanto la pelle si ripari, si sviluppano dermatiti irritative da contatto. Le sostanze che frequentemente causano dermatiti irritative da contatto includono acqua, saponi, detersivi, detergenti, fibra di vetro, tinture per capelli, solventi, oli, vernici, lacche, prodotti alimentari, lavorazione dei metalli e fluidi.

 

Fattori di rischio

 

-Storia medica. Mentre chiunque può sviluppare dermatiti irritative da contatto, con una storia di dermatite atopica, la  dermatite allergica da contatto aumenta il rischio,  come  una preesistente dermatite alla mano.

-Età. Individui più giovani sono più sensibili alla dermatite allergica da contatto, perché il sistema immunitario di una persona più giovane è probabile che iperreagisca rispetto al  sistema immunitario di una persona anziana.

- Ripetuta  esposizione. La prima esposizione non è sempre risultato di un focolaio. Con la dermatite allergica da contatto, la pelle della persona tocca spesso l'allergene per molti anni prima di una loro comparsa. Irritanti lievi, come detersivi, scaglie di pesce, e l'aglio, richiedono frequente esposizione per  causare dermatiti irritative da contatto.

-Sesso. Le femmine tendono ad avere un rischio leggermente più elevato di sviluppare dermatite da contatto.

- Ambiente. Il calore estremo e freddo così come ambienti molto umidi e molto secche aumentare il rischio.

 

Durata

Quando l'allergene responsabile o gli  irritanti non toccano la pelle, la pelle può guarire. Se la sostanza responsabile  continua a toccare la pelle, la  dermatite da contatto può diventare grave e difficile da trattare.

 

Diagnosi

 

La diagnosi inizia con una completa anamnesi medica e l'esame della pelle.

 

Se il dermatologo sospetta dermatite allergica da contatto, un test sicuro ed efficace chiamato patch test consente di identificare l'allergene .Durante un patch test, le strisce di nastro che contengono piccole quantità di diversi possibili allergeni, solitamente 25 a 150, sono applicati al dorso del paziente. I dosaggi  sono troppo piccoli per causare una reazione a meno che la persona non sia allergica. Dopo 2 giorni, il paziente ritorna, e il nastro viene rimosso. Se è presente  una piccola macchia rossa, la sostanza è considerata un allergene possibile. Dopo 96 ore, il paziente viene controllato di nuovo per vedere se si verificano reazioni ritardate.

 

Trattamento

Il trattamento prevede:

 

Evitare la sostanza che provoca l'irritazione o allergia. Il paziente deve evitare la causa. Evitare tutte le sostanze che possono scatenare una irritazione può essere difficile - se non impossibile - quando la persona incontra queste sostanze nei luoghi di lavoro. I  Dermatologi di solito aiutano i loro pazienti a sviluppare una strategia per aggirare l'esposizione. Questo può includere l'uso di una crema barriera, guanti, o la pratica di  una corretta igiene.

 

La terapia per aiutare la pelle chiara. Il trattamento può includere l'applicazione di emollienti e idratanti spesso durante il giorno, prendendo un antistaminico orale per aiutare a fermare il prurito, e l'applicazione pomate  per ridurre l'infiammazione. Nei casi più gravi, i trattamenti di fototerapia possono  essere utilizzati per sopprimere la risposta immunitaria iperattiva della persona. Se  si sviluppa un’infezione , gli antibiotici sono necessari.

 

Una volta che la dermatite da contatto regredisce, il paziente deve continuare ad evitare gli allergeni identificati - e talvolta irritanti. Per esempio, i pazienti che sviluppano una reazione allergica al nichel hanno  necessità di evitare gioielli che contengono nichel, nonché gli alimenti, tra cui prodotti in scatola, pomodori e cioccolato. Un dermatologo può aiutare il paziente a elaborare una strategia per evitare allergeni noti.

 

Per contattarci                    

info@sanremonews.it , alla mia attenzione

Per iscriversi alla newsletter:     

mandare una mail   a  

benessere_e_salute@tiscali.it

(oggetto: iscrizione salute e benessere sanremonews)

Disclaimer:

Tutti gli articoli da me redatti, basano il loro contenuto su studi certificati, sull’evidence based nursing e su articoli dei più importanti journal mondiali. Non c’è un’interpretazione personale, e non ci si vuole assolutamente sostituire alla diagnosi medica: essa è unica ed imprescindibile, così come  l’ approccio terapeutico. Gli articoli e le interviste di terze persone, assumono con i loro scritti le proprie responsabilità circa il contenuto

 Tutti i loghi e le immagini sono appartenenti agli aventi diritto. Le persone ritratte nelle foto hanno dato l’implicito consenso alla loro pubblicazione, chiunque volesse essere rimosso, o riconoscesse loghi, immagini che non intende divulgare è pregato di contattare la redazione.

                                                                             

 

Roberto Pioppo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium