/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | sabato 23 gennaio 2016, 18:59

Ventimiglia: riqualificazione di alcune zone della città, il PD lancia campagna di sensibilizzazione tra i cittadini e verso gli Amministratori

2La bellezza della nostra città, il suo enorme valore storico-culturale non possono permettersi questo stato..."

"La precarietà, il degrado e le brutture ancora oggi presenti in diverse zone della nostra città, fanno ormai parte del nostro quotidiano e c’è il rischio d’assuefazione a questo stato di cose". Ad affermarlo Domenico Casile del Circolo di Ventimiglia del Partito Democratico, che spiega: "La bellezza della nostra città, il suo enorme valore storico-culturale non possono permettersi questo stato ed è per questo motivo che il circolo del Partito Democratico ventimigliese, lancia una campagna di sensibilizzazione, tra i cittadini e verso gli Amministratori pubblici, mirata alla salvaguardia e valorizzazione di quei 'luoghi del cuore' di interesse turistico, paesaggistico, culturale e economico, oggi in stato di degrado o in abbandono.

Interventi mirati e ben curati possono dare una vera nuova vitalità ed immagine alla nostra città.

Il primo luogo a cui dedichiamo il nostro interesse è l'antico borgo marinaro, posto ai piedi del Centro storico medievale, il quartiere della 'Marina San Giuseppe'

La sua posizione l’annovera tra le zone più belle del nostro territorio, per la sua ubicazione paesaggistica, ma soprattutto per il suo micro clima molto temperato anche in pieno inverno.

La Marina ha anche una notevole importanza economica per Ventimiglia ed il ponente ligure, in quanto qui vi è una importate concentrazione di strutture turistiche-ricettive con due alberghi, un residence, cinque ristoranti di qualità frequentati da molti cittadini stranieri, tre stabilimenti balneari storici, diversi bar e pure un barbiere ed una parrucchiera.

Il costruendo porto negli anni ha purtroppo ridotto questo angolo di paradiso in una zona con troppe parti degradate e strutture ormai vecchie.

Oggi più che mai servono interventi mirati, quasi di ordinaria manutenzione, con rifacimento dell’arredo urbano, delle pavimentazioni della passeggiata, eliminazione di lampioni arrugginiti, sostituzione delle ringhiere ed i muretti dell’accesso alla spiaggia, rifacimento degli asfalti della strada oggi a gobbe, rifacimento della segnaletica orizzontale con nuovi spazi per la sosta delle moto ed una zona parcheggio ad orario.

Ma crediamo che prima di tutto serva un segnale forte, un intervento 'simbolo' caro a tanti ventimigliesi.

Abbattiamo l’ecomostro condonato, posto nella parte più alta della 'Rocca Scoglietti', all'interno del porto, una struttura incompiuta ed in decadimento, che si erge nel suo pieno squallore e degrado.

Una struttura proprio nel mezzo del percorso pedonale delle Calandre, fruito da migliaia di persone, proprio ai piedi del Forte dell’Annunziata.

Questa bruttura privata va demolita ed abbattuta, in quanto gravemente incompatibile con l’ambiente e con il paesaggio circostante.

Un altro esempio di intervento da eseguire con il 'credito edilizio', importante innovazione creata dall'amministrazione comunale del Sindaco Ioculano, che permetterà alla proprietà di non perdere il volume.

Per questo rivolgiamo un appello - si conclude nel comunicato - affinché da subito si metta mano alla Marina S. Giuseppe chiedendo alla società 'Cala del Forte' di realizzare le opere a scomputo già previste".

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore