/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | giovedì 17 marzo 2016, 23:12

Ventimiglia: l’intervento del consigliere Nazzari apre l’assise consiliare sulla sentenza del Consiglio di Stato

Nazzari: "Siete così incapaci che forse sarebbe meglio che ve ne andaste a casa".

Sono uno dei pochi consiglieri sopravvissuti allo scioglimento del Consiglio del 2012  - ha esordito il consigliere Roberto Nazzari - ma non posso non ricordare la campagna elettorale basata più ad additare i cattivi e diffamare gli avversari politici con una linea politica che ha confuso la giustizia cavalcando il giustizialismo. Avete dimostrato un atteggiamento arrogante”.

Ora cari consiglieri non sciolti per mafia dovreste fare tanti manifesti quanti ne avete fatti in campagna elettorale per mostrare un altro volto invece non avete neanche avuto il coraggio di convocare questo consiglio – ha accusato Nazzari - Ho provato a collaborare con voi con la mia piccola esperienza trentennale ma ho trovato le porte chiuse perché Nazzari è sciolto per mafia e di estrema destra”.

Voi avete riso quando vi ho ricordato l’appalto della nettezza urbana in scadenza – ha sottolineato in ultimo il consigliere - Risultato a un anno e mezzo dal vostro insediamento avete dato una proroga cosi passeranno 3 anni e mezzo, quasi la durata di un appalto. Se l’avessimo fatto noi: “mafiosi”. Poi avete dichiarato al tempo: “Ogni cittadino indebitato di 300 euro per colpa del mostro civitas”. Aimè l’iva non era dovuta e il bilancio era in attivo e la conseguenza: patrimonio svenduto”.

Io e penso anche i miei colleghi di minoranza – ha concluso con parole forti Nazzari - siamo disposti a collaborare ma sembra che ogni impulso che venga da questi banchi sia da bocciare a priori. Mi auguro che questa Amministrazione dimostri buon senso e agisca con coerenza ma siete così incapaci che forse sarebbe meglio che ve ne andaste a casa”.

Lorenzo Ballestra

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore