/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Scooter elettrico a 4 ruote Monrach Royale, per disabili e anziani. Possibile avere anche con copertura per la pioggia ...

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | lunedì 02 gennaio 2012, 09:36

Treno Val Roya: vertice tra l'Associazione "G. Biancheri e il Comune di Limone Pimeonte

Si è svolto, il 31 dicembre, un incontro tra i vertici della Associazione "G.Biancheri Linea ferroviaria Val Roya" ed il Comune di Limone Piemonte in merito  al programma 2012 delle iniziative a sostegno della promozione turistica del trenino della Alpi del Mare, che collega Liguria, Piemonte e Alpi Marittime.

Si conferma la forte intesa tra l associazione e Limone , nata anni or sono e sempre piu' consolidata, grazie al contributo indispensabile del sindaco Franco Revelli, forte sostenitore del rilancio dei collegamenti ferroviari nella Val Roya , troppo trascurati dalle Ferrovie dello Stato.

Il Presidente Sergio Scibilia con il responsabile della sezione Piemonte della Biancheri, avv. Costantino Catto, hanno illustrato le proposte di lavoro per il 2012 mirate a creare nuovi interventi di promozione turistica attraverso il treno con progetti ad hoc, coinvolgendo operatori privati del settore e le aziende turistiche locali di Imperia eCuneo.

"Sarà' un anno pieno di sorprese e di novità - scrivono -. Per l'Associazione Biancheri è indispensabile creare una forte intesa tra le regioni per ottenere in futuro un veloce collegamento moderno tra Imperia-Nizza-Torino e la Svizzera, attraverso il corridoio naturale della Val Roya, senza necessita' di costruire nuove infrastrutture, ma opere di ammodernamento a tutela dell'ambiente. In un periodo di crisi economica servono strutture leggere a costo zero, evitando opere faraoniche visibili tra 20/30 anni".

R.A.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore