/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | sabato 06 febbraio 2016, 14:09

Taggia: discarica e biodigestrore, il commento delle 'Mamme contro il Lotto 6" alla relazione della Commissione Parlamentare

"Chiediamo che la popolazione residente che sta prendendo coscienza di questo cruciale problema faccia sentire la propria voce, a dimostrazione che ormai i tempi sono maturi per decidere con consapevolezza del futuro di tutti."

Le "Mamme contro il Lotto 6" commentano la relazione della Commissione Parlamentare in merito alla situazione dei rifiuti nella nostra provincia, con particolare riferimento all'attuale discarica e alla costruzione del futuro biodigestore:“Dopo un' attenta lettura della relazione della Commissione Parlamentare sugli illeciti illustrata a Genova pochi giorni fa, noi “Mamme no Lotto 6” - spiegano - ci chiediamo come sia possibile che si vada avanti non solo con lo scempio del Lotto 6, ma anche con la enorme mostruosità del progetto del biodigestore anaerobico. Nella suddetta relazione, pubblicata da un solo giornale online e passata quasi inosservata dal resto dei media, si enunciano severi dubbi sia sulla discarica pubblica, meglio conosciuta come "Lotto 6 di Collette Ozotto", definendola “una situazione che fa persistere perplessità” sia sulla scelta impiantistica che sulle procedure amministrative adottate”.

La Commissione Parlamentare - aggiungono - ricostruisce nei minimi dettagli, con l’ausilio delle audizioni di politici, amministratori e autorità, il quadro della raccolta rifiuti nella provincia di Imperia, tracciandone un quadro disarmante, non solo per quanto concerne il presente, funestato da gestioni fallimentari e da continue inchieste penali, ma anche per quel che riguarda il futuro, in particolare il progetto del biodigestore, che non viene certo approvato come soluzione ottimale. Inoltre lunedì sera abbiamo partecipato all'incontro tenutosi in villa Boselli in cui si è dibattuto proprio sul progetto del biodigestore proposto dalla nostra Amministrazione e sulle alternative ad esso possibili.

Ci sono alcune cose che risultano evidenti: alle domande precise e documentate poste dal pubblico ad alcuni esponenti della maggioranza del comune di Taggia, ancora una volta si sono ottenute risposte poco puntuali ed ironiche invece che precise e tecnicamente corrette. Anzi, in alcuni casi addirittura fuorvianti come la spiegazione illustrata dal Sindaco sulla qualità del compost ottenuto da digestione anaerobica, equivalente, secondo lui, a quella del compost prodotto da sistemi aerobici.

Noi che siamo mamme e non abbiamo pretese di tipo politico amministrativo ci siamo informate meglio di chi deve decidere per noi. In secondo luogo ci sembra forte la volontà, per altro chiaramente manifestata dal Sindaco, di continuare sulle strade intraprese senza considerare in alcun modo le richieste di chi dovrà "convivere" per molti anni a venire con il “megabiodigestore”, con l'enorme discarica di servizio annessa e con tutte le conseguenze nefaste che questo comporta.

E su queste strade si vuol continuare nonostante le chiare indicazioni contrarie che arrivano, autorevoli, da più parti, in primis da tecnici qualificati e dalla commissione parlamentare stessa. Sicuramente sarebbe molto apprezzata l'umiltà di riconoscere di aver sbagliato o di aver sottovalutato i rischi piuttosto che dimostrare ostinazione e saccenza in quanto deleterie ed offensive.

Chiediamo che la popolazione residente che sta prendendo coscienza di questo cruciale problema faccia sentire la propria voce, a dimostrazione che ormai i tempi sono maturi per decidere con consapevolezza del futuro di tutti. Sempre più persone sono convinte che si possa fare meglio. E chiediamo a chi ci amministra di porgere ascolto ai cittadini desiderosi di vivere serenamente l'avvenire.”

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore