/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Scooter elettrico a 4 ruote Monrach Royale, per disabili e anziani. Possibile avere anche con copertura per la pioggia ...

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | giovedì 24 marzo 2016, 19:11

Taggia: il Consiglio comunale approva il regolamento del 'Baratto Amministrativo' e la modifica a quello della struttura portuale

All'unanimità il Consiglio ha approvato l'esonero della Scuola di Vela dal pagamento delle derive portuali e ha dato parere favorevole all'attivazione del nuovo servizio del 'Baratto Amministrativo' con relativo regolamento.

Si è riunito questo pomeriggio il Consiglio comunale di Taggia, all'ordine del giorno, tra gli altri punti, quello relativo all'approvazione di alcune modifiche al regolamento della struttura portuale e del regolamento del 'Baratto Amministrativo”.

All'unanimità il Consiglio ha approvato l'esonero della Scuola di Vela dal pagamento delle derive portuali e ha dato parere favorevole all'attivazione del nuovo servizio del 'Baratto Amministrativo' con relativo regolamento.

Il servizio dovrebbe così iniziare tra settembre e ottobre 2016, dopo aver ricevuto tutte le domande da parte dei cittadini interessati e aver attivato i relativi corsi di sicurezza sul lavoro. Tra i lavori scelti in questa fase iniziale, proprio per il più facile avvio di corsi e consegna dei dispositivi di sicurezza, vi sono quelli che coinvolgono l'ufficio tecnico e l'ufficio ambiente. L'idea dell'Amministrazione è principalmente quella di impiegare queste persone ad esempio nella zona delle ex Caserme Revelli, che non rientrano nell'appalto di pulizia della ditta competente, dunque ad oggi argomento di negoziazione; ma anche la zona della pista ciclabile.

Simona Della Croce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore