/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Per disabili e anziani. lo scooter ha 6 mesi con batterie nuove visibile a firenze

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | giovedì 04 febbraio 2016, 20:47

Taggia: fanno discutere le dichiarazioni dell'Assessore Giampedrone, dura replica del Sindaco Genduso “La nostra provincia non è quella messa peggio”

“E' la Provincia di Savona ad essere molto più indietro rispetto a noi – commenta il Sindaco Genduso – è vero che ha fatto la delibera di affidamento, ma è vero anche che non ha fatto altro se non quello che noi avevamo già fatto tre anni fa."

Fanno discutere le dichiarazione dell'Assessore regionale all'Ambiente Giacomo Giampedrone raccolte dal nostro giornale subito dopo il tavolo di confronto sulche si è svolto questa mattina in Regione. Alla riunione sulla situazione regionale in tema di acqua pubblica, hanno partecipato tutti i presidenti provinciali anche se, proprio ieri, aveva espresso la volontà di essere presente anche il Sindaco di Taggia Vincenzo Genduso, e così è stato. Quest'ultimo non ha apprezzato il fatto che la nostra provincia sia stata considerata un "osservato speciale", come se in tema di acqua pubblica fosse molto più indietro rispetto alle altre.

E' la Provincia di Savona ad essere molto più indietro rispetto a noi – commenta il Sindaco Genduso – è vero che ha fatto la delibera di affidamento, ma è vero anche che non ha fatto altro se non quello che noi avevamo già fatto tre anni fa. Non è assolutamente vero che la provincia di Imperia sia ad oggi quella messa peggio, dobbiamo fare delle cose, e anche in fretta, ma se la provincia fa quel che deve fare, e stessa cosa faranno gli uffici dell'ambito, nonché Rivieracqua, allora sì che si potranno scongiurare i poteri sostitutivi."

Secondo la normativa, infatti, se anche il soggetto incaricato della gestione dell'acqua, in questo caso Rivieracqua non riesce a rispettare gli adempimenti, allora questi verranno affidati all'ente superiore, i comuni commissariati e la Regione incaricata della gestione dell'Ato. “Se la Regione avvierà il commissariamento – conclude Genduso – dovrà farlo solo per i comuni inadempienti.” 

Simona Della Croce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore