/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | sabato 27 febbraio 2016, 19:05

Sharing economy, Federalberghi: "Il sommerso può generare pericoli per la sicurezza"

In provincia di Imperia è stato accertato che le case fantasma che offrono servizi turistici sono almeno 2 mila

Igor Varnero - Amerigo Pilati

Non solo maggiore tutela del turista, ma anche pericoli per la sicurezza pubblica. Federalberghi-Confcommercio pone l'accento sul fenomeno della sharing, fenomeno che nasconde anche molte irregolarità. In provincia di Imperia è stato accertato che le case fantasma che offrono servizi turistici sono almeno 2 mila.

Per Americo Pilati, presidente della Federalberghi "occorre equilibrio nel comparto dell’ospitalità che sta vivendo il grande sviluppo della 'sharing economy'". Forte il richiamo alle condizioni e regole fondamentali da quelle fiscali a quelle della sicurezza. "Queste vanno rispettate da tutti i soggetti che operano sul mercato. Perché le norme di sicurezza e sanitarie, per la tutela del consumatore finale, che giustamente si applicano al turismo cosiddetto tradizionale come gli alberghi, devono essere seguite anche da tutte quelle attività che operano nell’economia della condivisione", ricorda Pilati.

Esiste poi il problema della sicurezza: "Molti affittacamere, come chi affitta case non registra la clientela. Oltre ad evadere il Fisco, potrebbe ospitare soggetti pericolosi-afferma Pilati-Abbiamo già sollevato questo problema nel corso di una serie di incontri in questura, lo faremo nuovamente". Inoltre la stessa Federalberghi ha scritto a tutti i Comuni della Riviera perché venga affrontato il fenomeno dell'abusivismo turistico. "Solo Sanremo ha risposto ed ha già attuato controlli capillari sul territorio ed ha scoperto diverse irregolarità, alcune delle quali sanzionate - sottolinea Igor Varnero, vicepresidente di Federalberghi -. Presto l'argomento verrà affrontato con il Comune di Ospedaletti, Bordighera e Imperia, ma l'obiettivo è quello di 'investire' del problema della sharing economy incontrollata tutta la Riviera, entroterra compreso".

Sussiste poi un problema di concorrenza sleale. "Solo le strutture certificate - insistono Pilati e Varnero - possono garantire livelli occupazionali, e le esperienze professionali maturate negli anni. Alberghi e residence che ora sono messi a rischio dall’incontrollato proliferare del sommerso. Oltretutto a questo fenomeno si è generato anche un indotto: imprese di pulizia e lavanderie che abusivamente offrono servizi per incassare soldi in nero approfittando di questa nuova nicchia di mercato con la conseguenza di spingere i proprietari-locatori a restare nell’illegalità favorendo appunto l'evasione fiscale".

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore